Categoria: Serie B

Autore: Ufficio Stampa

Pubblicato il: 15/12/2016

Letto: 147 volte

Imolese col Factor-X. Carobbi: "E' arrivato il momento di vincere"

Imolese col Factor-X. Carobbi:

L’eterno pareggio: perché? “Perché ancora non sappiamo vincere. Vincere – spiega mister Carobbi – non è solo portarsi in vantaggio, ma sapere gestire il risultato. Col Trento ci siamo fatti recuperare tre reti in cinque minuti; col Belluno abbiamo commesso il sesto fallo negli ultimi cinquanta secondi e siamo andati sotto di un goal. E’ solo facendo esperienza sul campo che si matura: ogni partita è, per i ragazzi, un ulteriore bagaglio di insegnamenti, che saranno preziosi nel girone di ritorno”.

 

PARI GIUSTO - Nella sfida salvezza col Belluno, l’Imolese si ferma sul 2 a 2, nonostante le innumerevoli occasioni da goal create: “Credo che il pareggio sia stato il risultato giusto: noi abbiamo concretizzato la seconda rete solo col portiere di movimento, mentre gli avversari hanno usato la strategia giusta per proteggere il vantaggio. Non sembrava affatto una partita da bassa classifica.” Il girone d’andata si appresta alla conclusione e un bilancio provvisorio è d’uopo: “Devo dire – prosegue l’allenatore rossoblu – che sono più le partite in cui abbiamo fatto punti, rispetto a quelle in cui abbiamo perso. Purtroppo la posizione in classifica porta fretta e la fretta è cattiva consigliera della qualità. Il fatto, poi, di faticare a vincere incide sul morale di ragazzi così giovani e debuttanti in categoria. Ripeto sempre, scherzando, che questo è un anno bisestile (dunque non propriamente beneaugurante, ndr), ma sono sicuro che la voglia che tutti abbiamo di invertire questa tendenza produrrà i risultati sperati".

 

PROSSIMO TURNO - La prossima trasferta sarà in casa dei berici di mister Candeo che, subìto il restyling di inizio stagione, sono ancora in cerca di una continuità di risultati: “Se ci si limita a guardare i punti conquistati dal Vicenza, si rischia di sottovalutare il potenziale dei biancorossi. E’ una società con una radicata tradizione di futsal, che si è attrezzata con una rosa di tutto rispetto: nel girone di ritorno saprà farsi valere. Sarà una partita molto complessa per noi: da un lato dovremo limitare al massimo gli errori; dall’altro dovremo tenere bene a mente che, come loro, anche noi siamo stati in grado di mettere in difficoltà le ‘grandi’.”

 

Stefania Avoni
Ufficio Stampa Imolese Calcio 1919



ARTICOLI CORRELATI

L'Imolese non trova la chiave di volta: la bestia nera Mestre s'impone 4-0

16/01/2017 IMOLESE Analisi della seconda, vera, sconfitta per l'Imolese: campo opposto, stesso avversario. Il Città di Mestre si conferma la ...

L'Imolese e lo scotto dell'inesperienza. "Lasceremo presto il penultimo posto"

11/01/2017 IMOLESE L’Imolese azzanna alla gola, ma non uccide. Un epilogo visto troppe volte: “Nel primo tempo non abbiamo brillato, ...

Imolese, un tabù chiamato Faventia: nuova sconfitta di misura

08/01/2017 IMOLESE Rabbia e frustrazione. E' la rabbia dei guerrieri che combattono a testa alta, guardando negli occhi il proprio avversario. E' ...

Matera faber ipsius fortunae: "Imolese, resettiamo e ripartiamo da noi"

04/01/2017 IMOLESE Se il 2016 si chiude per l'Imolese con tanti rimpianti, seppur mitigati da importanti certezze, il 2017 offre ai rossoblu la seconda ...