skin adv

Canarecci tra passato e futuro: "Spero in un 2017 di successi, dipende da noi"

 30/12/2016 Letto 351 volte

Categoria:    Serie D
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    NUOVA CAIRATE





Tre amichevoli per non perdere il ritmo gara tra una festività e l'altra, nell'attesa di tornare in campo dopo 24 giorni d'astinenza. Cristiano Canarecci non può che essere soddisfatto di questa prima parte di campionato, con la consapevolezza però che il difficile deve ancora venire: “L'insidia è dietro l'angolo, a cominciare dalla ripresa contro il Sant'Agnese”, le prime parole del tecnico, che ci tiene a mantenere alta la concentrazione.


TEST - E intanto, ieri, i suoi ragazzi hanno risposto presente. Nonostante qualche assenza, la Nuova Cairate ha battuto 5-4 la Roma. Stasera si torna in campo contro la Juvenia, mentre sabato 7 gennaio si giocherà l'ultimo test contro il Real Mattei: “Alla squadra do un bel 9 per quello che ha fatto finora – commenta Canarecci – in 14 partite abbiamo vinto 12 volte, segnando 103 gol e subendone 35. Forse troppi, ma la differenza tra noi e la Pro Calcio sta nel pari maledetto contro il Caprarola. Se avessimo vinto quella partita, a quest'ora saremmo primi anche noi. Nulla da recriminare per la sconfitta nello scontro diretto, abbiamo giocato bene senza raccogliere punti, ma c'è la gara di ritorno”.

BILANCIO - Nove in pagella, e non è poco. Ma per raggiungere la perfezione c'è ancora qualcosa da migliorare: “Prendiamo qualche gol di troppo e il 50% è per pigrizia, dovuta a cali di concentrazione durante la gara”. Il 2017 è alle porte, questo l'augurio di Canarecci. “Nel mio cuore mi auguro di vincere il campionato. Abbiamo due soluzioni: aspettare l'errore di chi ci sta davanti o vincerle tutte. Questo per dire che è ancora tutto nelle nostre mani. Mi aspetto una seconda parte di stagione d'alto livello da parte dei miei ragazzi. A loro, a tutti i tesserati della Nuova Cairate e alla società faccio gli auguri di buon 2017, con la speranza che sia un anno ricco di soddisfazioni”.


* foto Valentina Rao
Ufficio Stampa Nuova Cairate