Categoria: Serie B

Autore: Ufficio Stampa

Pubblicato il: 04/01/2017

Letto: 175 volte

Matera faber ipsius fortunae: "Imolese, resettiamo e ripartiamo da noi"

Matera faber ipsius fortunae:

Se il 2016 si chiude per l'Imolese con tanti rimpianti, seppur mitigati da importanti certezze, il 2017 offre ai rossoblu la seconda chance: il girone di ritorno, una sorta di rewind con l'imperativo di ribaltarne il precedente corso. "Abbiamo lasciato troppi punti per strada, non per disattenzione, quanto per difficoltà a tenere alta la tensione della gara".

MATERA - Gianluca Matera analizza con rammarico il dodicesimo posto dell'Imolese, in piena zona rossa: "Se osserviamo gli score delle partite, è evidente che la classifica non rispecchia il valore che abbiamo espresso in campo, ma gli errori che abbiamo commesso. Troppe volte abbiamo lasciato che fossero gli avversari a decidere il taglio della gara, uscendo allo scoperto in ritardo; altrettante abbiamo perso a partita quasi conclusa: la sconfitta col Vicenza, subita a dieci secondi dalla fine, ne è la prova lampante. Non abbiamo ancora quaranta minuti di concentrazione, ma ci riusciremo. Abbiamo una squadra di giovani di valore che lavorano sodo e, evitando di perseverare negli stessi errori, potremo guadagnarci la permanenza in categoria." Il primo scoglio del girone di ritorno sarà il Faventia di mister Bottacini, che potrà contare sul neo-acquisto Casadio, ex Faenza calcio a 11. Nel derby di andata, che segnò il debutto in serie B dell'Imolese, i rossoblu fallirono il pareggio sbagliando un tiro libero: "Il Faventia - prosegue il dg rossoblu - ha una rosa di altissimo livello ed è, per il secondo anno consecutivo, in lotta per il vertice della classifica. Sarà una partita completamente diversa rispetto alla precedente: se all'epoca abbiamo potuto contare sull'effetto sorpresa, stavolta non ci sarà concesso nulla. Sabato dovremo scendere in campo con l'umiltà di chi sa di dover fronteggiare una corazzata e con la forza di chi può decidere e, non subire, il proprio destino".

RESETTA - L'Imolese dà in prestito Bandini e resta fedele al proprio vivaio, che ha già visto debuttare in B dodici giovani della propria scuderia. La rivincita contro il Vicenza, nel recente quadrangolare a Padova, dimostra che le carte sono in regola per la categoria: "Abbiamo complicato da soli il nostri percorso, purtroppo. D'ora in poi dobbiamo scendere in campo sempre per fare punti perchè ripartiamo da meno due, invece che da zero. Resettiamo il girone di andata e buttiamo quell'inutile fardello di rimorsi: il punto di partenza siamo noi, quanto valiamo e quanto vogliamo dimostrarlo".

Ufficio stampa Imolese



ARTICOLI CORRELATI

L'Imolese non trova la chiave di volta: la bestia nera Mestre s'impone 4-0

16/01/2017 IMOLESE Analisi della seconda, vera, sconfitta per l'Imolese: campo opposto, stesso avversario. Il Città di Mestre si conferma la ...

L'Imolese e lo scotto dell'inesperienza. "Lasceremo presto il penultimo posto"

11/01/2017 IMOLESE L’Imolese azzanna alla gola, ma non uccide. Un epilogo visto troppe volte: “Nel primo tempo non abbiamo brillato, ...

Imolese, un tabù chiamato Faventia: nuova sconfitta di misura

08/01/2017 IMOLESE Rabbia e frustrazione. E' la rabbia dei guerrieri che combattono a testa alta, guardando negli occhi il proprio avversario. E' ...

L'Imolese batte il Vicenza: terzo posto alla Krupps Cup di Padova

30/12/2016 IMOLESE L'Imolese interrompe la pausa natalizia col quadrangolare Krupps Cup, a cui partecipano, oltre ai padroni di casa ...