skin adv

È un Terracina sempre più Real, Parisella: "Final Four? Continuiamo a sognare"

 20/04/2017 Letto 984 volte

Categoria:    Serie C2
Autore:    Francesco Carolis
Società:    REAL TERRACINA





Nel 2015 ha trionfato nella Serie D di Latina, dodici mesi fa ha difeso con orgoglio ai playout una C2 conquistata con tanto sacrificio, poi la svolta: il costante percorso di crescita del Real Terracina nel mondo del futsal regionale ha raggiunto il suo, seppur momentaneo, apice nella stagione in corso con il quarto posto nel girone A e, soprattutto, la qualificazione alla Final Four di Coppa Lazio. Alberto Parisella è il leader in campo di un gruppo che non si vuole più fermare: i playoff sono sfumati, ma la kermesse del PalaPestalozzi, comunque vada, scriverà un altro capitolo chiave nella storia della società tirrenica.

Quarto posto nel girone pontino al secondo anno di C2: è un Real Terracina ormai tra le grandi del calcio a 5 laziale?
"Un quarto posto non ha mai fatto grande nessuna squadra, siamo consapevoli che, per essere al top nel futsal della nostra regione, ci vuole lavoro e costanza. Quest'anno abbiamo preso coscienza della nostra forza e lo abbiamo dimostrato contro squadre molto più attrezzate e blasonate di noi, siamo pronti a migliorare quanto fatto il prossimo anno".

La qualificazione ai playoff è sfumata: i pareggi di gennaio sono stati decisivi nel condizionare il vostro cammino? C’è delusione per non aver raggiunto questo traguardo o la stagione regolare è comunque positiva?
"In campionato, la stagione è da ritenersi positiva dal momento che abbiamo vinto 17 gare su 25 e, a una giornata dal termine, abbiamo anche la miglior difesa. Ci è mancata un po' di esperienza e di concretezza contro le squadre di bassa classifica, punti che ci hanno privato della possibilità di centrare l'obiettivo playoff. Un po' di delusione c’è, ma siamo comunque soddisfatti in considerazione del fatto che venivamo da una salvezza ottenuta ai playout lo scorso anno".

Campionato a parte, è arrivata una storica qualificazione in Final Four: qual è stata la vostra arma in più nel cammino in Coppa Lazio?
"L'arma in più in questa Coppa Lazio è stata l'attenzione per i particolari e la meticolosità con cui abbiamo preparato ogni gara. Da questo punto di vista, mister Olleia si è dimostrato abile nel cercare tattiche e soluzioni di gioco che ci hanno permesso di eliminare squadre come Penta Pomezia, Città di Anzio, Vis Anagni e Valmontone, quest'ultima già promossa in C1".

In semifinale affronterete La Pisana: che gara ti aspetti? Quale sarà l’obiettivo del Real a Pomezia?
"Mi aspetto una bella gara nella quale tutte e due le squadre cercheranno di vincere e centrare una storica finale. Rispettiamo La Pisana, ma cercheremo di continuare il nostro sogno. Il nostro obiettivo è di pensare gara dopo gara, quindi per adesso ci concentriamo sui nostri prossimi avversari, poi vedremo cosa dirà il campo. Giocheremo anche per i nostri compagni Alessio Frainetti, impegnato nei Mondiali di beach soccer, e Gianmarco Zannella, squalificato, che ci tenevano moltissimo ad essere presenti a questa sfida".


Francesco Carolis