skin adv

#playoff2017, Finals a rischio: Pescara, sospensione allenamenti e attività

 03/06/2017 Letto 3406 volte

Categoria:    Serie A
Autore:    Pietro Santercole
Società:    PESCARA





LA MOTIVAZIONE - Chissà se la serie per il 34esimo scudetto, attualmente 1-0 a favore della Luparense, andrà avanti. Chissà se il Pescara tornerà sui suoi passi. Chissà. La decisione di Danilo Iannascoli, presidente del Pescara, non fa certo ben sperare. Chiara presa di posizione da parte del numero uno dei Delfini dopo le vicissitudini avvenute in gara-1 delle Finals. (p.s).

 

LA NOTA UFFICIALE - Il presidente Danilo Iannascoli comunica che a seguito dei gravissimi fatti accaduti prima, durante e dopo la gara 1 di Finale Play Off, con aggressioni verbali e fisiche subite dai nostri dirigenti e giocatori, dell'ennesima inadeguata direzione arbitrale figlia di designazioni cervellotiche e non imparziali e dall'ormai ripetuta e inaccettabile preventiva richiesta di assistenza presentata dalla squadra avversaria alle forze dell'ordine e ai commissari e delegati, condita da lettere costruite su motivazioni fantasiose e offensive che non fanno altro che inasprire gli animi già prima dell'inizio delle gare, hanno purtroppo comportato un clima e un finale di gara che non posso ne accettare ne dimenticare e, quindi, dalla data odierna sono costretto a sospendere sia gli allenamenti della prima squadra che tutte le attività e competizioni ufficiali. Utilizzare il terzo tempo per aggredire un giocatore avversario, utilizzare le parole "terremotati" e "handicappato" da squallidi personaggi che nulla dovrebbero avere a che fare con lo sport, non possono passare impunite e non possono essere taciute. Il mio costante impegno nel sociale e la carica di Presidente del Panathon Adriatico, che sono onorato di rappresentare, non mi permettono di continuare dopo aver dovuto assistere a tutti i fatti accaduti che hanno calpestato i valori dello sport che giornalmente difendo e promuovo con ogni mezzo. Le affermazioni e le offese dei tesserati e dei giocatori della Luparense verso la mia Regione, la mia Città e la mia Società, rappresentata in panchina dal Vice Presidente Matteo Iannascoli, non passeranno impunite e i miei legali sono già stati delegati e autorizzati a tutelarmi in tutte le sedi. Grazie a tutto il popolo biancoazzurro ed agli sportivi che hanno nuovamente riempito il Papa Giovanni Paolo II per averci sostenuto con calore, affetto e con il solito incitamento corretto e non offensivo nei confronto degli avversari.




COPIA SNIPPET DI CODICE