skin adv

Il No del Comitato al ripescaggio in Serie B crea dibattito: decisione d'ufficio o c'è un regolamento?

 06/07/2017 Letto 767 volte

Categoria:    Serie C1
Autore:    Redazione
Società:    VARIE





Era il 9 giugno quando la LND in Consiglio con una nota ha ufficializzato la nascita del nullaosta: “Per quanto attiene il campionato nazionale di serie B di calcio 5, il Consiglio Direttivo ha accolto la proposta di subordinare al parere vincolante dei Comitati Regionali, l'ammissione di società di Serie C non aventi diritto”.

IL DIBATTITO - Una decisione d'ufficio oppure c'è un criterio ben preciso per poter ricevere il nullaosta?. Nei comunicati pubblicati dal 9 giugno ad oggi non abbiamo trovato nulla a riguardo, allora perché inviare una risposta del genere: “Il Comitato respinge la richiesta di nullaosta, in quanto la società non ha i requisiti necessari”. La domanda che i tanti addetti ai lavori si pongono, quali requisiti bisogna avere per ricevere il nullaosta del Comitato? Se fosse uscito uno stralcio di regolamento, magari nemmeno avrebbero avanzato richiesta e non si sarebbero aperti dibattiti o polemiche. Senza contare quanto è accaduto nei passati anni, dove formazioni giunte in C1 anche al decimo posto, hanno ottenuto il privilegio di fare domanda di ripescaggio in Serie B.

PERCHE? - Rumors dicono che altri Comitati hanno concesso i nullaosta anche a formazioni che non hanno partecipato ai playoff nazionali, perchè c'è diversità di vedute da un comitato all'altro? Se il problema invece è l'assenza di società per completare l'organico dei due gironi di Serie C1 alziamo tutti le mani.