skin adv

Italia, semafori rossi! Il primo test non viene superato: Ucraina ok 3-2 VIDEO

 05/12/2017 Letto 867 volte

Categoria:    Nazionale
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    ITALIA





Prove d’Europeo per la Nazionale di Futsal, sconfitta 3-2 dall’Ucraina nella prima delle due amichevoli disputata nel pomeriggio a Kharkiv. A poco meno di due mesi dall’appuntamento con la Fase Finale del Campionato Europeo di Slovenia 2018, dove l’Italia esordirà con la Serbia il 1° febbraio, la squadra di Menichelli fa le prove generali contro un’altra delle 12 finaliste del torneo continentale. Un match equilibrato e con tante interruzioni, caratterizzato dalle espulsioni di Merlim e De Luca e con l’Italia costretta sempre a rincorrere, ma capace per due volte di rientrare in partita e vicina nel finale ad un pareggio che sarebbe stato forse il risultato più giusto.

 

LA PARTITA - Al Palace of Sport ‘Lokomotiv, che domani ospiterà anche la seconda amichevole tra le due nazionali (ore 18.30 locali, le 17.30 italiane), l’inizio è tutto in salita, con Razuvanov che dopo pochi secondi si libera con una giocata di suola della marcatura di Ercolessi e batte il rientrante Mammarella. Le due squadre si affrontano a viso aperto e al 5’ l’Ucraina trova il raddoppio grazie ad uno schema su calcio piazzato: Zhurba tocca per Korolyshyn, che da posizione defilata trova l’incrocio dei pali. L’Italia perde Merlim per espulsione e, dopo aver rischiato di subire il 3-0, accorcia le distanze al 15’ con Schininà, ma a due minuti dalla fine del primo tempo i padroni di casa allungano ancora grazie a Zhurba, che con un diagonale dalla distanza supera di nuovo Mammarella. Gli Azzurri non demordono e prima Lima e poi Romano impegnano il portiere ucraino, anticipando quello che sarà il copione del secondo tempo. Nella ripresa, infatti, l’Italia parte subito forte e in apertura Ercolessi finalizza una bella ripartenza con un sinistro che si insacca sotto la traversa. Al 7’ il pareggio sembra cosa fatta, ma lo splendido destro a giro dalla distanza di capitan Lima si stampa sull’incrocio dei pali. La partita è equilibrata, gli Azzurri sfiorano il 3-3 con un destro di Schininà deviato in angolo dal portiere e, trenta secondi più tardi, Grytsyna con un pregevole tocco sotto scavalca Mammarella e manda il pallone sul palo. A 3’ minuti dalla fine un altro episodio chiave: De Luca viene travolto in area dal portiere ucraino, ma l’arbitro non concede il penalty, vede invece una simulazione e ammonisce per la seconda volta il laterale del Napoli. Con l’uomo in meno l’Italia rischia di subire il 4-2, Mammarella si supera in un paio di occasioni e Razuvanov si divora il gol che chiuderebbe la partita. E così all’ultimo minuto Menichelli si gioca il tutto per tutto inserendo prima Lima e poi Calderolli come portieri di movimento e, a venti secondi dalla sirena, per poco Ercolessi non trova il gol del 3-3.


Ufficio stampa FIGC