skin adv

Lepanto, il k.o. con il Genzano brucia ancora. Fiacchi: “Meritavamo di più”

 14/12/2017 Letto 205 volte

Categoria:    Serie C2
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    LEPANTO





La Lepanto termina il ciclo di ferro con una sconfitta sul campo della capolista Atletico Genzano, capace di imporsi per 2 reti a 1. Un risultato amaro per i ragazzi del tecnico Bardelloni, che sono stati agganciati dalla Pro Calcio Italia a quota 20 punti, andando a formare così, con il Futsal Ceccano, un gruppo di tre squadre a pari punti tra la terza e la quinta posizione.


PRESTAZIONE – Nonostante la sconfitta, però, la Lepanto non ha sfigurato: “Il Genzano merita massimo rispetto perché ha un ottima squadra - premette Matteo Fiacchi -. Noi, però, non abbiamo meritato di uscire sconfitti dalla partita, poiché siamo riusciti a metterli in difficoltà nonostante giocassimo in trasferta: li abbiamo chiusi nella loro metà campo per 40 minuti. Siamo un gruppo unito, che considero come una famiglia, non dobbiamo dimenticarci che siamo una neopromossa e che il nostro primo obiettivo è quello della salvezza: una volta ottenuta potremmo anche provare a puntare più in alto”.


PROSSIMI IMPEGNI – Archiviati questi due match, la squadra pensa ai prossimi impegni, che vedranno la Lepanto affrontare prima il Real Legio Colleferro, che si trova nelle zone basse della classifica e poi lo Sporting Club Palestrina, attualmente sesto nella graduatoria: “Giocheremo le prossime gare con lo stesso atteggiamento dei due match precedenti, nei quali, come ho già detto in precedenza, la prestazione c’è stata. Abbiamo un grande mister che è in grado di tenerci sempre concentrati al massimo sia quando giochiamo contro la prima che quando giochiamo contro l’ultima della classe”.


OBIETTIVI – Matteo Fiacchi è stato uno dei rinforzi estivi della Lepanto . Il neo acquisto traccia un bilancio di questi primi mesi in biancazzurro: ”Conoscevo benissimo questo gruppo che si è andato formare nelle precedenti 4 stagioni e sono orgoglioso di farne parte quest’anno.  Ero già stato allenato 6 anni fa da mister Bardelloni e ritrovarlo è stato fantastico. Io e lui abbiamo un rapporto che è quasi quello tra un padre e il proprio figlio”. Infine ,il giocatore svela i suoi obbiettivi personali per questa stagione:” Spero di poter segnare almeno 10 reti, eguagliando così il bottino della scorsa annata. Per ora sono andato in rete con una buona frequenza, trovando già 8 gol”.


Nicolò Signanini




COPIA SNIPPET DI CODICE