skin adv

Il Flaminia non si ferma più, Verri: "Giusto restare umili, ma sognare si può"

 20/12/2017 Letto 147 volte

Categoria:    Femminile
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    FLAMINIA





Chi lo dice che per vincere bisogna sempre giocare bene? Alle volte per vincere basta vincere e cosí é stato domenica per Berti e compagne con il Top Five. Prestazione un pò sottotono per le fanesi, nel gioco, ma non nel risultato: un buon 4-0 che regala un +8 per le feste natalizie e fa sorridere. Due parole con Veronica Verri, universale classe '89.

Veronica, sei tu la protagonista dell'intervista post-match: sei felice?
"Sono davvero tanto felice per questo mio primo goal in A2, era talmente tanto che non segnavo in una competizione ufficiale che non mi ricordavo neanche come si esultava. La prima cosa che mi è venuta in mente è stato il gesto del "ciaone" esattamente quello che faccio per salutare tutti quelli che mi leggeranno".

Che emozioni che hai provato?
“Questo primo gol era nell’aria, molte persone avevano fiducia in me, compresa la mia amica e compagna di squadra Mencaccini, visto che ha deciso di passarmela o meglio crossarmela per poi arrivare al gol. Mi hanno evidentemente tutti insieme portato fortuna.”

Questa è la tua prima stagione alla Flaminia Fano, come ti stai trovando con le nuove compagne ed il mister? Se potessi tornare indietro rifaresti questa scelta?
"Mi sto trovando molto bene in squadra, nonostante non sempre posso essere presente a causa del mio lavoro, ma penso di essermi fatta conoscere per quello che sono e la società, il mister e le ragazze mi fanno sentire sempre speciale, per cui non potevo fare scelta migliore. Chiaravalle è un capitolo bellissimo della mia vita, sono stati due anni speciali: sono dell’idea che prima di essere giocatrici siamo persone e Chiaravalle, al di là dei risultati raggiunti, mi ha regalato quello più bello cioè l’amicizia. Basti pensare che qualche minuto prima di inziare la gara ho letto un messaggio di Jlenia Gabrielli, ex giocatrice dello stesso Chiaravalle che attualmente gioca nel girone B di serie A2, e questo mi ha dato una carica pazzesca".

Domenica é stata l'ultima partita del 2017, nel 2018 c'è l'ultima giornata del girone di andata e le qualificazioni per le Final Four di Coppa: le tue sensazioni e aspettative per il proseguo della stagione?
“Penso che mister e società facciano bene nel consigliarci di rimanere umili, ma sono dell’idea cheil mondo del futsal è gioioso, quindi perché non sognare? In fondo non c’è nulla di male".


Ufficio Stampa Flaminia