skin adv

Zagarolo, Gargano: “Con la Folgarella in palio una bella fetta di campionato”

 22/12/2017 Letto 562 volte

Categoria:    Serie D
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    CITTA DI ZAGAROLO





È un momento delicatissimo, e chi s’intende davvero di questo sport sa che un calo di tensione in questo frangente potrebbe essere letale per il seguito della stagione. Simone Gargano, ragazzo che ha condiviso spogliatoi con atleti che hanno calcato campi di Serie A e Serie B, non vuole assolutamente vanificare lo sforzo delle prime nove partite, portate a casa all’apparenza in modo agevole, e avverte i compagni in vista della doppia sfida contro terza e seconda classificate del girone.


Simone, tu, qui a Zagarolo, in passato hai vinto un campionato. Ce la farete a replicare quest’anno?
Dopo l’inizio a Palestrina, arrivai qui e vinsi il campionato di Serie D. In seguito ho provato un’altra gratificante esperienza in C2 con Colleferro, prima di peregrinare lungo un sentiero di squadre diverse che è culminato lo scorso anno, di nuovo qui, di nuovo con l’obiettivo di vincere il campionato.


La partenza è stata a razzo, ora però ci sono due partite molto dure. Le affrontate sereni?
Io sì, sono molto sereno, perché siamo un gruppo valido e ben amalgamato. La Serie D è una categoria ostica sotto certi aspetti, il livello delle squadre non è omogeneo e si rischia di giocarsi la stagione in due o tre partite determinanti: la prima, per noi, è quella di stasera contro la Folgarella 2000, stasera ci giochiamo una bella fetta del campionato. Conosco alcuni dei loro giocatori perché sono miei ex compagni, conosco il loro mister e so quanto vale. Qualcuno li descrive in affanno e molto indeboliti, nel periodo recente, mentre io ho il presentimento contrario; li vedo scaltri oltre che preparati ed è per questo che dovremo andare lì pronti a far la guerra senza mollare un millimetro.


Ventisette punti dopo nove partita dovrebbero spegnere ogni tentativo di critica. Ma c’è, secondo te, qualche aspetto in cui potete ancora migliorare?
Siamo andati bene, è vero, ma il momento critico comincia oggi. Mi sento di dire che quella di stasera è la partita più importante della stagione, sia per il loro blasone, sia per le ripercussioni psicologiche che ne scaturiranno e che ci porteremo addosso in attesa dell’altro match, alla riapertura della stagione dopo le feste, contro l’Arca seconda in classifica. Siamo stati bravi e belli da vedere, fino ad ora. Adesso è giunto il momento di capire se siamo davvero concreti.


Ufficio Stampa Città di Zagarolo




COPIA SNIPPET DI CODICE