skin adv

Ciaraldi cresce insieme al Ciampino. “Fondamentale il lavoro con Celsi”

 12/04/2018 Letto 458 volte

Categoria:    Giovanili
Autore:    Marco Panunzi
Società:    CIAMPINO ANNI NUOVI





Era la prima stagione al Ciampino Anni Nuovi per Daniele Ciaraldi, tecnico in seconda di Celsi alla U19 nazionale e alla Juniores. Un’esperienza arricchente e positiva per l’allenatore, che vuole togliersi ancora molte soddisfazioni.

U19 – Il cammino dei ciampinesi nel palcoscenico nazionale dedicato alle giovanili si è concluso al secondo turno dei playoff: dopo la vittoria del 5 aprile in casa del Ferentino (4-6), è arrivata la sconfitta contro il Latina con un largo 6-1, nella giornata di lunedì. “Si è trattata assolutamente di una crescita importante per me, specialmente con l’Under 19. Ho deciso di venire qui proprio per crescere, poi sapendo che avrei affiancato un tecnico molto preparato come Celsi ho detto immediatamente di sì. Ringraziando ovviamente il presidente Tomaino, che ha sempre creduto in me”, le parole di Daniele, che entra più nel dettaglio sui motivi che gli fanno sostenere che questa sua esperienza sia stata arricchente. “Un campionato molto diverso dalla Juniores. Un campionato molto tecnico, dove ogni squadra è difficile da affrontare. Logicamente è un torneo di caratura nazionale, dove noi eravamo partiti per la salvezza e ci siamo ritrovati ad affrontare il secondo turno dei playoff. Sono cresciuto anche seguendo gli allenamenti e le sedute video della prima squadra di mister Micheli, infatti voglio ringraziare molto anche lui”.

JUNIORES – Se da un lato una stagione può dirsi conclusa, dall’altro c’è ancora qualcosa da giocare. “Con la Juniores invece ho ritrovato un po’ la situazione degli Allievi Élite: il livello del campionato è simile a quello che avevo vissuto quando allenavo al Real Ciampino. Squadre molto forti e altre un po' più deboli. Nell’Under 19 invece sono tutte sullo stesso livello, le partite sono tutte difficili anche con l’ultima in classifica”, il pensiero dell’allenatore in seconda, arrivato proprio quest’anno a difendere i colori rossoblù dopo l’esperienza, sempre con le giovanili, al Real Ciampino. “Non eravamo partiti con l’obiettivo playoff ma quello di fare bene: con Celsi e lo staff si è creato un bel gruppo e questo ha inciso nel cammino delle due squadre. Non dimentichiamo che con la Juniores ancora è tutto aperto per il primo posto”. Il distacco dalla vetta è grande ma non è ancora detta l’ultima parola.

Marco Panunzi




COPIA SNIPPET DI CODICE