skin adv

L’Arca affonda, lo Zagarolo può volare a +8. Romagnoli: “Vogliamo far festa”

 13/04/2018 Letto 155 volte

Categoria:    Serie D
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    CITTA DI ZAGAROLO





Cinque partite alla fine del campionato di Serie D. Potrebbero bastarne anche di meno, tuttavia, affinché lo stesso campionato consacri il Città di Zagarolo campione del girone B. Alla vigilia del testa-coda contro Atletico Marrana, gli amaranto hanno già in tasca la sconfitta di ieri della Polisportiva Arca che li proietta potenzialmente a +8 sulla seconda della classe. Potenzialmente, sia chiaro, perché la partita di domani va giocata e va vinta, in trasferta e contro un avversario che sicuramente vorrà ben figurare contro la schiacciasassi di categoria: niente cali di tensione, quindi, anche se un filo di euforia già si fa largo tra le emozioni dei ragazzi di Riccomagno; Gianluca Romagnoli, ad esempio, non vede l’ora di festeggiare.


Gianluca, un anno difficile da dimenticare, sia a livello di squadra che sul piano personale.
Sono molto contento di quanto svolto insieme al mio gruppo. Ho disputato le giovanili con la maglia del Zagarolo, ora tornare qui da grande e vincere il campionato sarebbe una grande emozione. Dal mio approdo ad oggi ho fatto passi in avanti tramite un lavoro costante e ho acquisito abbondante fiducia che si riflette anche nell’incremento dell’incisività sotto porta, ma devo dire che tutta la squadra ha dato il suo contributo in maniera equivalente, chi con gol, chi con assist, chi semplicemente con prestazioni superbe sul piano della determinazione e della qualità.


Domani c’è una partita agevole, sulla carta: potrebbe riservare insidie sul campo?
Siamo in un momento cruciale. Domani affrontiamo l’ultima della classe sul suo terreno di gioco, sarà importante mantenere alta la concentrazione e ottenere i tre punti per poi festeggiare magari davanti ai nostri tifosi fra due settimane. Mi fido dell’esperienza della squadra, veniamo da un successo importante e sofferto in cui abbiamo schiacciato con la tecnica le ambizioni di un avversario che ha provato a metterci in difficoltà usando anche mezzi arguti e a tratti provocatori.


C’è grande voglia di far festa, dunque?
Sì, questo campionato lo vogliamo noi, lo vuole la società, lo vogliono i tifosi. E noi vogliamo regalarci e regalare questa gioia, soprattutto a chi ci ha sostenuto con grande entusiasmo da ottobre: venerdì scorso sono rimasto basito, non percepivo tanto calore dagli spalti da tempo, i nostri tifosi hanno a cuore il nostro destino e la loro spinta è decisiva. Sicuramente è merito anche loro, se siamo primi a poche partite dalla fine.


Qual è il destino di Romagnoli?
Sono in prestito dal Palestrina. Qui mi trovo stupendamente, ho conosciuto un ambiente estremamente ospitale e stretto tante amicizie profonde. Vedremo, prima penso a raggiungere l’obiettivo di quest’anno e poi parlerò con il presidente arancionero Virgili.


Ufficio Stampa Città di Zagarolo