skin adv

Civitella, febbre a 40'. Palusci: "Mettiamo la ciliegina sulla torta"

 13/04/2018 Letto 253 volte

Categoria:    Serie A2
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    VARIE





40 minuti alla sirena di chiusura del campionato di Serie A2. A Civitella Casanova, tutti sperano che sia l'ultima sirena dell'anno. Significherebbe che il Civitella avrà battuto il Bubi Merano, guadagnando l'accesso al campionato di Serie A, senza la necessità di dover passare dai playoff. Un sogno, una cosa incredibile, per un paese di 1792 abitanti nell'entroterra pescarese.


QUALCOSA DI IMPENSABILE - La società nata nel 2002 dall'idea di un gruppo di amici è pronta a festeggiare qualcosa di impensabile all'inizio di questa avventura. Un campionato diputato ai vertici fin dall'inizio, nonostante la penalizzazione di 4 punti inflitta in avvio di stagione, ridotti in seguito a 2. Il titolo virtuale di campione d'inverno al giro di boa, la leggera flessione in avvio di girone di ritorno, e la lunga striscia di risultati utili consecutivi che hanno permesso alla truppa di mister Saverio Palusci di resistere al rientro rabbioso dell'Arzignano, staccando turno dopo turno le ostiche dirette avversarie, quali Carrè Chiuppano, Orte e Città di Sestu. Ora manca solo l'ultimo sforzo per coronare davvero questa lunga corsa.


PALUSCI - Ma nessuno a Civitella ha già messo in conto la festa, a partire proprio dal mister Palusci: "Ce la dovremo sudare fino all'ultimo, nessuno ti regala niente. Il presente dice che siamo primi, che abbiamo disputato una splendida stagione, e che dipende solo da noi mettere la ciliegina sulla torta. Sono sicuro che il Bubi Merano verrà a giocarsela, come è giusto che sia, e come hanno dimostrato anche le altre nostre rivali in queste ultime gare". Non resta che attendere le 18.00 di Sabato 14 Aprile 2018. Una data che a Civitella Casanova potrà essere ricordata per sempre.


Luca Pellizzari
Responsabile comunicazione
Civitella Sicurezza Pro