skin adv

Italpol, Armellini elogia un gruppo che è valso la Serie B. “Noi, un roster unito”

 03/05/2018 Letto 552 volte

Categoria:    Serie C1
Autore:    Marco Panunzi
Società:    ITALPOL





La promozione è un premio di tutti, ogni singolo tassello che compone il roster acquisisce il merito per il risultato raggiunto, guida tecnica, atleti e società: questo è il pensiero di Federico Armellini, uno dei vincitori del gruppo B della C1 laziale.

ANNATA – “È stata una grandissima soddisfazione certamente, ancor di più per il bel gruppo che si è creato quest’anno. Abbiamo fatto un gran campionato, lasciando veramente pochissimi punti per strada”, il pensiero di Armellini, uno dei ragazzi più esperti della squadra dell’istituto di vigilanza. L’ex Casal Torraccia trova comunque la nota stonata, nell’anno che ha segnato l’ingresso, dopo 4 anni di vita, nel futsal nazionale per l’Italpol. “L’unico rammarico che rimane dopo questi mesi e questo intenso campionato è la Coppa Lazio: eravamo la squadra più forte della competizione, secondo me, e avevamo l’obbligo di arrivare fino in fondo”, conclude Federico.

MERITI CONDIVISI – Non è un caso che uno dei nuovi cadetti della rappresentativa dell’istituto di vigilanza abbia parlato di gruppo: fare 71 punti, nel girone che alla vigilia era considerato il più complicato della massima serie regionale laziale, può essere solo merito di più fattori legati insieme. “Sia tecnicamente che caratterialmente il nostro si è comportato da grande gruppo. E poi non vincere quest’anno, con la squadra di altissimo livello costruita dalla società, sarebbe stato un fallimento. Lo sport tuttavia insegna che vincere non è mai facile: siamo stati bravi a rimanere uniti nei momenti più difficili e abbiamo meritato la vittoria”, l’elogio di Armellini verso i suoi compagni di viaggio e verso chi ha avuto il merito di costruire una squadra vincente. “I più forti hanno capito benissimo che dovevano spingerci a dare il massimo. Come Luca Ippoliti, ad esempio, che ha fatto una grandissima stagione e soprattutto si è calato alla perfezione nel gruppo. Ha mostrato una grandissima voglia di vincere e sicuramente ha trainato tutti gli altri”.

Marco Panunzi