skin adv

Mirafin, un pari e tanti dubbi. Moreira e compagni chiudono 5-5 l'andata con la Cioli

 06/05/2018 Letto 230 volte

Categoria:    Serie B
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    MIRAFIN





Termina 5-5 la gara di andata con la Cioli Ariccia. Si intuisce subito la giornata negativa dei direttori di gara, che nei primi due minuti fischiano due falli dubbi ai danni della Mirafin.

IL MATCH - Le due squadre si danno subito battaglia per cercare il vantaggio e la prima ad ottenerlo è la Mirafin al 3' con Moreira, che da pochi passi insacca. Botta e risposta tra le due formazioni fino al 7', quando Marchetti sul palo opposto sfrutta l'assist di Velazquez per l'1-1. Djelveh manda di poco a lato la conclusione, mentre al 9' Bacaro colpisce la traversa. Dal 15' al 17' succede di tutto: Petrucci ben posizionato riporta in vantaggio i padroni di casa; sull'azione successiva invece viene fischiato il rigore per la Cioli (dubbio, con Batella che da terra sembra toccare con la mano il pallone, ma è un abbaglio arbitrale), alla battuta Velazquez e Mazzuca neutralizza mandando in angolo. Al 17' palo di Bacaro e 20" dopo Sordini in mischia sbuca dal nulla depositando la sfera alle spalle di Piatti. Sul 3-1 la Mirafin potrebbe gestire il doppio vantaggio invece palla al centro e Marchetti s'invola verso la porta depositando il pallone all'incrocio dei pali accorciando le distanze. Al 18' contropiede Mirafin con Moreira, ma una vistosa trattenuta non viene sanzionata. Per la Mirafin ci si mette anche la sfortuna, Emer si rende protagonista di un autorete spiazzando Mazzuca. Sul 3-3  termina la prima frazione di gioco. Nel secondo tempo i rossoblù le provano tutte  fino all'8', quando Sordini, defilato sulla destra, lascia partire un missile terra aria per far espolodere il Pala Enea. Mirafin con la testa ad incrementare il vantaggio e ci riesce con Gioia al 12' su punizione a siglare il punto del 5-3. La Cioli è una squadra forte e lo dimostra sul campo, non ha bisogno di avere favori: non sono dello stesso avviso gli arbitri che inventano un altro rigore al 12'30" con Djelveh a respingere la conclusione di Mentasti, braccia attaccate al corpo e pallone respinto con la parte alta della coscia, Velazquez stavolta non fallisce. Altre due opportunità per la Mirafin ma Batella prima e Lorenzoni dopo sono imprecisi. Al 17'  arriva il pareggio di Bacaro viziato da un fallo, il classico blocco adottato su Emer a palla lontana, anche questa volta è tutto normale mentre Bacaro firma la rete del 5-5. Mister Giambelluca oggi in panchina: "La nostra squadra ha dimostrato di poter giocare contro tutte le avversità, commettendo sicuramente degli errori: ma se poi bisogna fronteggiare anche con degli arbitraggi non all'altezza diventa tutto più difficile".

Ufficio Stampa Mirafin