skin adv

Rimesse laterali a scelta? C'è chi dice no. "In Italia, noi facciamo così"

 09/05/2018 Letto 3518 volte

Categoria:    Vari
Autore:    Redazione
Società:    VARIE





La stampa brasiliana è stata la prima a rivelare (LEGGI QUI) dell'importantissima riunione avvenuta a Lubiana durante Euro 2018, nata col fine per cambiare radicalmente alcune regole sostanziali di gioco del futsal, con quattro nuove proposte di norme che hanno suscitato riflessioni, dibattito, critiche, e - in qualche caso - fatto storcere il naso a molti. La "prensa" spagnola si è spinta oltre (LEGGI QUI), sostenendo che soltanto una di queste 4 proposte si trasformerà in norma. La domanda, ora, sorge spontanea: ammesso e non concesso che l'indiscrezione iberica abbia un seguito ufficiale, come ci si comporterà in Italia se le rimesse laterale e i calci d'angolo saranno a scelta di chi li batte, con i piedi o con le mani, nelle competizioni FIFA (Mondiali) o UEFA (Europei e Champions League del calcio a 5?

DRITTI ALLA FONTE - In questi casi, meglio saperne di più da chi governa il nostro movimento. Così C5Live ha approfondito l'indiscrezione internazionale, rivolgendosi direttamente al numero uno del futsal nostrano. Andrea Montemurro si è dimostrato, come sempre e a differenza di molti, aperto al dialogo, un po' meno alla presunta nuova norma che potrebbe entrare in vigore dalla prossima stagione. "Non abbiamo nessuna intenzione di cambiare le regole per la rimessa del fallo laterale o del corner - spiega il presidente della Divisione - il nostro sport ha regole di base che devono assolutamente rimanere intatte, a salvaguardia dell'identità della nostra disciplina".

Redazione