skin adv

Juvenia, game over. Capizzi: "Due anni fantastici. Attendo qualche proposta"

 31/05/2018 Letto 483 volte

Categoria:    Serie C2
Autore:    Francesco Carolis
Società:    JUVENIA SSD





A Via Ischia di Castro, il 2017-2018 ha fatto sorridere davvero tutti. Mentre per lo Sporting di Bagalà si sono aperte le porte del futsal nazionale, la Juvenia SSD di Alessandro Capizzi ha conquistato, con le unghie e con i denti, una sofferta salvezza in C2. Il recentissimo passato è stato foriero di soddisfazioni, le prospettive raccontano della fine di una bella storia: il percorso nel calcio a 5 della Juvenia si interromperà, il tecnico, dunque, è pronto a guardarsi intorno per ascoltare proposte e intraprendere una nuova avventura.

Alessandro, cosa significa questa salvezza per la Juvenia?
“Abbiamo appreso dalla società che la Juvenia SSD l’anno prossimo non proseguirà la propria attività. Volevo quindi in primis ringraziare la società stessa e i ragazzi per i due anni fantastici passati insieme, alla vigilia dei quali forse neanche il più ottimista avrebbe potuto ipotizzare quanto sarebbe accaduto: vittoria del campionato di Serie D una stagione fa e salvezza quest’anno in un girone di C2, l’A, davvero equilibratissimo”.

Per raggiungere la permanenza in C2 siete dovuti passare per due spareggi da dentro o fuori: prima il Blue Green, poi l’Anguillara. Quanto è stato difficile gestire la pressione in quelle settimane? Come giudichi la stagione della squadra?
“Personalmente sono molto contento delle prestazioni dei ragazzi: ci abbiamo messo un po’ ad acquisire alcuni concetti che richiedevo, ma nel girone di ritorno le prestazioni, prima dei risultati, sono state, di fatto, sempre ottime. Nell’epilogo di stagione poi, momento nel quale certamente contano anche valori diversi come l’esperienza, abbiamo compiuto davvero due imprese contro squadre sicuramente più attrezzate di noi alla vigilia, quali Blue Green e Virtus Anguillara”.

I “cugini” dello Sporting Juvenia hanno raggiunto una storica promozione in B: ti aspettavi un risultato del genere da Bagalà e dalla sua squadra?
“Ho avuto il piacere di conoscere Alessandro Bagalà: è un amico prima che un ottimo tecnico, con lui ho avuto il piacere di scambiare opinioni in tutta la stagione e lo ringrazio per il supporto ricevuto. Ha fatto un lavoro davvero eccezionale e sono sicuro che saprà dimostrare il suo valore anche nel nazionale”.

Cosa ha in serbo il tuo futuro? Quali sono le prospettive?
“Per quanto mi riguarda, quest’anno ho conseguito l’abilitazione da allenatore, per cui sono ovviamente intenzionato a proseguire e resto in attesa di qualche proposta. C’è più di un ragazzo di indubbio valore che mi seguirebbe, vediamo se squillerà il telefono”.


Francesco Carolis




COPIA SNIPPET DI CODICE