skin adv

Luca Bergamini tra le leggende del futsal: “Una responsabilità importante”

 07/06/2018 Letto 272 volte

Categoria:    Vari
Autore:    Antonio Iozzo
Società:    VARIE





Le leggende del futsal italiano sono ufficialmente diventate cinque. Dopo Vinicius Bacaro, Gabriele Caleca, Andrea Rubei e “Pippo” Quattrini, anche Luca Bergamini è entrato di diritto nella cerchia riservata a coloro che hanno lasciato un segno indelebile nella disciplina con il pallone a rimbalzo controllato.


Ieri sera, prima del fischio di inizio di Acqua&Sapone-Luparense (gara 4 della finale scudetto), l’ex portiere della Roma RCB ha ricevuto dal presidente della Divisione Andrea Montemurro il premio “Futsal Legend”: “Il riconoscimento per una carriera importante in questo sport - premette Bergamini -. Questo premio dimostra l’attenzione che la Divisione sta rivolgendo alla memoria storica del calcio a 5, alla generazione di giocatori che ha fatto crescere il futsal, gettando le basi per il futuro”.


Luca Bergamini ha difeso la porta della Nazionale, ma, soprattutto, “ha rivoluzionato il ruolo del portiere”, parola di Giovanni Malagò, attuale presidente del Coni. “Una frase che fa molto piacere, anche perché pronunciata da un ex compagno di squadra, uno con cui ho condiviso tutto: lo spogliatoio, le vittorie, ma anche le sconfitte. Ciò è stato possibile solo grazie al lavoro di tecnici illuminati che mi hanno permesso di lanciare la tattica del portiere di movimento”.


Una tattica che ha proiettato Bergamini nella leggenda del futsal italiano: “Questo riconoscimento mi dà la consapevolezza di avere una responsabilità importante: il peso di dover rappresentare in ogni mia attività questo sport”. Un calcio a 5 in continua espansione: “Non so se il futsal sia migliore o peggiore rispetto al passato, so solo che si è evoluto. Oggi il livello tecnico e fisico è sicuramente superiore rispetto ai miei tempi, come è normale che sia”. Il futsal italiano cresce e si evolve. Ma non dimentica le sue origini e le sue leggende, coloro che lo hanno reso uno degli sport più belli in assoluto.


Antonio Iozzo




COPIA SNIPPET DI CODICE