skin adv

Roberto Chiesa lascia la Bellator: “Ho passato 4 anni bellissimi”

 12/06/2018 Letto 532 volte

Categoria:    Femminile
Autore:    Laura Prospitti
Società:    BELLATOR FERENTUM





Roberto Chiesa non sarà più l’allenatore della Bellator Ferentum, il tecnico ha infatti rassegnato le sue dimissioni augurando grandi successi alla società ciociara.

THE END – “Sicuramente dispiace lasciare dopo una retrocessione - esordisce Chiesa - ma se la squadra non è riuscita a mantenere la categoria sono il primo colpevole e mi assumo tutta la responsabilità delle mie scelte, senza accampare nessun tipo di scusa. Credo che in un percorso di un tecnico ci sia un inizio e ci sia una fine ed è giusto chiudere la mia esperienza in quel di Ferentino, lo dico con grande dispiacere, perché lascio molti amici, ma qui è finito il mio tempo”.

GRAZIE – “Ringrazio questa società straordinaria - continua il tecnico - a cui auguro tutto il bene del mondo e tutti i successi possibili. C’è tanta passione tanta voglia di fare. Sono convinto che ci sia la necessità di cambiare la guida tecnica, in modo che possano tornare entusiasmo e stimoli, per fare cose migliori di quelle fatte fino ad adesso. È un augurio, ma anche una convinzione. Ringrazio i tifosi, tutte le giocatrici che ho allenato in questi anni e tutti i miei collaboratori: ho sempre avuto un grandissimo staff tecnico”.

UNA BELLISSIMA STORIA – Ho tantissime immagini davanti a me - conclude Chiesa - tanti piccoli episodi che ho nel cuore e che hanno fatto di me un tifoso vero di questa squadra. Ho preso il timone quando la Bellator era all’ultimo posto della classifica di serie C. I primi tempi sono stati difficili, sembrava una mission impossible e invece era soltanto l’inizio di una fantastica storia calcistica. Siamo partiti in punta di piedi ma pian piano siamo cresciuti in maniera esponenziale, abbiamo aggiunto nuovi tasselli, giocatrici sempre più forti e dopo un solo anno di serie A2, siamo arrivati nell’Olimpo del calcio a 5 femminile, quella serie A élite che abbiamo cercato di difendere fino alla fine con le unghie e con i denti. Questo percorso bellissimo si chiude qui, ma rimarrà con me per sempre, insieme a tutte le persone che ne hanno fatto parte”.

Laura Prospitti