skin adv

Sgreccia, Milani rilancia i suoi per la Fase Open. “La semifinale è tosta”

 04/07/2018 Letto 286 volte

Categoria:    Tornei
Autore:    Marco Panunzi
Società:    SGRECCIA





La Virtus Italpol Aniene ha chiuso la fase a girone unico, ottenendo l’accesso alla Fase Open grazie al 4° posto matematico. Francesco Milani loda il tasso tecnico del torneo e lancia i suoi compagni alle difficoltà delle semifinali

AVANTI – “Con la vittoria di ieri siamo entrati nella Finale Open: il nostro è stato un cammino pieno di difficoltà, per alcuni infortuni (Marchetti e Mirko Medici, ad esempio), per impegni extra campo e per la nostra filosofia di voler far giocare spesso i ragazzi giovani. Inoltre lo stato di forma è quello che è, visto che molti di noi hanno smesso due mesi fa”, il pensiero di Francesco Milani, baluardo dell’Aniene 3Z. Le tre anime che compongono il roster (Aniene 3Z, Cioli e Italpol) hanno chiuso il loro campionato agli inizi di aprile, per questo la condizione non è al top: ma ora è tempo di semifinali e Milani sa cosa aspetta la sua squadra. “Non sappiamo ancora chi affronteremo e non ho preferenze particolari. Sono squadre differenti: il Foodball (ossatura Capitolina) vede nella corsa la sua arma principale, Gli Sfizi dell’Imperatore (ossatura Mirafin) è compatta e molto esperta. Sono entrambe complicate da affrontare”.

DI LIVELLO – In attesa dello scontro tra Acquario e Centro Estetico Marilyn, che deciderà se Milani & co. chiuderanno in terza o quarta posizione, Francesco parla in generale del torneo di casa al Circolo Stella Azzurra. “La competizione è molto interessante, ci sono tutte belle squadre in lotta: peccato per il discorso numerico, otto sono davvero poche squadre. Servirebbe qualcosa di diverso per attrarre gente, per portare a giocare anche squadre diciamo di seconda fascia. Perché non tutti, magari, sono disposti a prendere tanti gol: e la presenza di molti campioni in una stessa squadra può scoraggiare”, l’idea del fresco campione del girone E di Serie B. “Il girone unico è stata la soluzione giusta, che ha portato maggiore interesse ovviando al problema delle poche iscrizioni. Comunque ci sono grandissimi organizzatori dietro questo torneo: sono sicuro che tireranno fuori il coniglio dal cilindro, per far tornare le partecipazioni ad alti numeri”.


Marco Panunzi




COPIA SNIPPET DI CODICE