skin adv

Trionfa il Savio mentre Coccia progetta: “Aprire a giovanile e femminile”

 11/07/2018 Letto 413 volte

Categoria:    Tornei
Autore:    Marco Panunzi
Società:    PROVINCIA DI ROMA





Agli annali l’edizione 2018 del Provincia di Roma: Coppa al Savio padrone di casa, dopo aver battuto lo Svenson in finale. Vincenzo Coccia, organizzatore del torneo, è estremamente soddisfatto di come è andata la kermesse e proiettato a renderla ancora migliore in futuro.

CAMPIONI E SORPRESE – “Un monologo, credo che la parola più adatta per definire la finale andata in scena ieri sia questa. Il Savio è molto compatto, collaudato, rodato: ha dato per lunghi tratti segnali di dominio, una squadra fortissima con individualità come Didonè e mister Medici che impreziosiscono il tutto”, il pensiero di Coccia sull’ultimo atto del suo Provincia, giunto alla 14° edizione, la seconda di fila a Via delle Nespole e nella quale Alessio Medici ha centrato il bis (l’anno scorso da giocatore col Centocelle). “Erano loro i favoriti, si sono ripetuti praticamente: Centocelle e Savio sono di casa qui, il fattore campo aiuta sempre. Non hanno avuto praticamente rivali, escluso il Delle Vittorie che in semifinale gli ha dato molto filo da torcere”, aggiunge Vincenzo. Il quale trova, accanto alla certezza di questo torneo, rivelatasi vincente, anche la sorpresa. “Mi ha stupito il Torre Maura, loro sono stati la rivelazione: tecnico bravo, idea di futsal buona e grande correttezza. Non speculano sull’avversario, non giocano in ripartenza. Vogliono portare un’idea di calcio a 5 e questa è una cosa che non si vede spesso in Serie D”.

15° EDIZIONE – Un Provincia finisce, un Provincia arriverà. Il lavoro della mente creatrice e organizzatrice del torneo non termina qui, però. E Vincenzo è già al lavoro per portare novità il prossimo anno. “Il Provincia ormai è una realtà, una realtà consolidata: 18 società sportive, in cui lo zoccolo duro sono le Serie D ma ci sono rinforzi che rendono le gare molto interessanti. Non ci fermiamo qui, ovviamente, stiamo già lavorando per migliorare le future edizioni”, spiega Coccia, che entra più nel dettaglio. “Miriamo a far salire il livello, con sempre più squadre di C1 e magari qualche B. Inoltre cerchiamo di allargare, stiamo cercando di integrare alla maschile anche le giovanili e la femminile, in quest’ordine. Per un Provincia ancora più prestigioso e suggestivo”. 



Marco Panunzi