skin adv

Bari-Sagaria: il futsal a Reggio Emilia esiste ancora. "E continuerà nel tempo"

 12/07/2018 Letto 236 volte

Categoria:    Serie B
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    REGGIO EMILIA





Due in uno. Era stato Saverio Bari, all'indomani della "scissione" con Marco Calzolari e il Kaos Reggio Emilia, ad aprire all'unione di intenti con il presidente dell'Olimpia per far restare il futsal a Reggio Emilia (LEGGI QUI). Ora è il turno di Sagaria spiegare il nuovo progetto emiliano, sempre in un'intervista ufficiale. (p.s.)

LA NOTA - Dopo l'accordo con Saverio Bari e l'universo granata, parla il creatore della favola Olimpia Regium: “Abbiamo trovato immediata coesione, lavoreremo su base pluriennale”. Una nuova sfida che prende il via, dopo aver trovato l'accordo... “in meno di due giorni”. Giuseppe Sagaria, presidente dell'Olimpia Regium trascinata sino ad un passo dalla serie A2, è entusiasta del progetto nato dall'unione di intenti con il Reggio Emilia Calcio a 5 di Saverio Bari, per affrontare assieme il prossimo campionato di serie B e, più in generale, un lavoro su base pluriennale per mantenere il futsal di livello nazionale in città. “Dispiace come sia finita l'avventura in serie A, poi è nata l'idea con Saverio e abbiamo trovato un accordo in brevissimo tempo - le prime parole di Sagaria da numero 1 del nuovo sodalizio granata – Ci conosciamo da tanti anni, così come gran parte dei dirigenti che hanno vissuto l'esperienza della F.lli Bari prima e del Reggio Emilia Calcio a 5 poi, e ho sempre riconosciuto la stessa grande passione e una stima reciproca che ci ha portato ad unirci per un'avventura decisamente stimolante e a lungo termine”. I colori granata, il nome di Reggio Emilia e l'attività nel cuore del PalaBigi per essere un vero punto di riferimento di tutto il movimento: “Dobbiamo definire i dettagli relativi al palazzetto, tra allenamenti e campo di gioco per le partite, ma l'idea è quella perchè vogliamo giocare in città. Dopo tanti anni di “gavetta” e pensando a quante squadre in passato ha avuto il nostro movimento, che ora vive certamente maggiori difficoltà, ci rende orgogliosi essere la punta dell'iceberg. Sono felice perchè con Saverio e il suo gruppo, si uniranno tante persone validissime e dirigenti di livello che, assieme a quelli che hanno portato avanti per tanti anni il progetto Olimpia Regium, sapranno dare tanto al club”. Squadra già fatta in parte, conferma il presidente. “Come Olimpia abbiamo un buon gruppo che ha lavorato negli ultimi mesi con mister Christian Margini, ovviamente confermatissimo dopo aver portato l'OR ad un passo dalla promozione. Stiamo lavorando alla base del team, cui aggiungeremo certamente qualche giocatore proveniente dall'avventura granata. A livello dirigenziale e societario stiamo lavorando per definire tutti i ruoli, possiamo certamente dire che la squadra nel suo complesso sarà di alto livello per la serie B, con la volontà e la possibilità di far crescere i giovani senza fare proclami. Mi spiego: la valorizzazione dei ragazzi del territorio e il consolidamento del club sono alla base del progetto, poi se dovesse arrivare anche il grande risultato... tanto meglio. Molto dipenderà dal girone nel quale finiremo, dopo aver vissuto le ultime due stagioni nel “C” con le toscane. Salire di categoria per forza non è nella filosofia della nuova realtà che stiamo allestendo”. Le giovanili? Saranno un fiore all'occhiello... “Affronteremo i campionati Under 21, Under 19 e Under 17: partiremo subito con dei gruppi importanti e poi c'è l'idea della scuola calcio, alla quale teniamo moltissimo. Avendo in gestione lo stadio Zandonai, dove abbiamo la sede che ci ha fatto crescere nell'arco di questi anni partendo da un gruppetto di amici, ci sono tutte le possibilità per creare una struttura di questo tipo. Sarebbe un vero e proprio sogno, ma vogliamo realizzarlo eccome...”.