skin adv

Nodo Italfutsal, Montemurro con le mani legate. "Ma prometto battaglia"

 08/08/2018 Letto 2210 volte

Categoria:    Nazionale
Autore:    Pietro Santercole
Società:    ITALIA





C'è un'Italia che sorride 206 volte per una stagione senza precedenti con un numero mai visto prima di squadre fra maschile (144) e femminile (62). E un'altra che s'interroga unilateralmente sul futuro di una Nazionale mai così in basso, reduce da tre debacle in due anni e scesa addirittura al settimo posto del Ranking Uefa. Con un commissario tecnico, Roberto Menichelli, in scadenza di contratto.

MONTEMURRO - I primi rumors sul futuro dell'Italfutsal (LEGGI QUI) lasciano perplessi, in quanto si continua a tenere in disparte la Divisione, ossia l'organo che gestisce l'intero movimento del calcio a 5. "Dopo mesi e mesi di discussioni, scambi di vedute, con i vertici della Figc e Club Italia per tracciare insieme un percorso adeguato alla ristrutturazione delle Nazionali nel post Menichelli, mi trovo ancora una volta messo in disparte". Montemurro ha le mani legate e non può, allo stato attuale delle cose, far nulla. "Su questo terreno trovo numerosi ostacoli di varie dimensioni - continua - ostacoli esterni, come era prevedibile, ma inaspettatamente anche interni". Il numero del futsal non ha nessuna intenzione di arrendersi a questa situazione. Che, francamente, ha del paradossale. "Sono stato, sono e sarò sempre pronto a dare battaglia per una bandiera che ritengo essenziale per la crescita del nostro sport. Una crescita - conclude - che passa anche per la valorizzazione delle persone che hanno fatto la nostra storia".

Pietro Santercole