skin adv

Bentornata #SerieC1futsal! Sabato lo start: spicca Real Ciampino-Pro Calcio

 20/09/2018 Letto 367 volte

Categoria:    Serie C1
Autore:    Francesco Carolis
Società:    VARIE





Alzi la mano chi è riuscito a scordarsi il finale thrilling del campionato 2017-2018: lo Juvenia sorpassa il Savio nello scontro totale dell’ultima giornata e vola in B, l’Italpol alza le braccia al cielo solo nei 40’ decisivi di Borgo Sabotino. La regione nella quale il calcio a 5 si è fatto le ossa ospita una Serie C1 dal fascino ineguagliabile: qualcuno, spesso, la critica, evidenziandone un valore incomparabile rispetto a un decennio fa, ma è indubbio che tutti, senza distinzione di ambizioni, la vogliono. Tappa ineludibile nel percorso di crescita, punto d’arrivo o traguardo impensabile? Conta poco. La categoria regina del futsal laziale, comunque la si guardi, mette sempre sul piatto una valanga di emozioni: in un settembre bollente inizia la quarta stagione con il doppio girone e 28 squadre a contendersi il salto nel nazionale. Invariata la formula, così come la spasmodica attesa per i verdetti del campo.

GIRONE A - C’è un vero e proprio frullato di qualità alla base della ricetta del raggruppamento A, ma gli ingredienti principali, sulla carta, sembrano due: il futsalmercato estivo è marcato dal dialetto pontino e lancia in pole position Cisterna e Fidaleo Fondi. È il neopromosso Città di Anzio a battezzare la rinnovata voglia di primeggiare dei biancazzurri: il blocco spagnolo di per sé incute timore, i colpi Rosati e Lippolis possono spostare davvero gli equilibri. La fusione tra Virtus e Vis ha scelto come pilastri del 40x20 i fratelli Fratini: Emanuele è il player-manager, Roberto il riferimento in campo, l’ex Brillante Di Rollo e un nugolo di giovani terribili possono fare il resto. La prima è a Colli Aniene, contro una Vigor che ha riabbracciato Galante, salutando Scaccia e l’enfant du pays Matteo Perconti. La griglia delle top è ampia: il Castel Fontana del nuovo corso De Bella promette una battaglia Real e parte in casa con lo Spinaceto, nel pre-season ha impressionato un Genzano che ospita il Vallerano. Impossibile trascurare l’Atletico Anziolavinio: De Angelis ha accompagnato la crescita costante di un gruppo che si immagina un altro salto di qualità, interessante l’esordio con la Virtus Ostia Village, prodotto dell’unione d’intenti tutta lidense tra Virtus Ostia e Atletico Village. L’accoppiata Casal Torraccia-Romagnoli affila le armi in vista del Real Terracina, che affronta il secondo anno di C1 con lo zoccolo duro. Squadra che vince non si cambia anche a Velletri: Montagna si sdoppia ancora tra panchina e parquet, i primi tre punti se li giocherà con il coriaceo Real Stella.

Clicca QUI per la prima giornata del girone A

GIRONE B - L’equilibrio al rialzo può essere la stella polare nelle dinamiche del girone B, anche qui, però, c’è chi è uscito dal fermento estivo con galloni più significativi degli altri. Spiccano le ambizioni della Pro Calcio Italia, reduce dal successo in Coppa Lazio di C2: gli arrivi di Piscedda e De Vincenzo consegnano a Galante un roster dal valore assoluto. A tastargli subito la febbre, in quel di Ciampino, sarà un Real che si è regalato Ruzzier e spera di scoprirsi grande. La Nordovest, dopo una stagione in chiaroscuro, si rilancia sul campo del TC Parioli, guidato in panchina dall’ex capitano D’Onofrio. L’incrocio Vigor Cisterna-Poggio Fidoni merita il circoletto rosso: in sella ai pontini c’è Luca Angeletti, col doppio ruolo di allenatore-giocatore e una rosa rinforzata con innesti mirati, scenario simile alle pendici del Terminillo, dove è iniziata l’era Luciani con il ritorno di Fratoni da manager in seconda. Stuzzica l’interessa anche il derby viterbese tra il neopromosso Real Fabrica e quel Carbognano che, ormai da tempo, ha imparato a far paura a chiunque. L’Albano, firma storica della categoria, comincia nel fortino degli Hornets, mentre la Virtus Fenice, dopo essersi ripresa l’élite del futsal laziale grazie a un’annata di vittorie nel ricordo di Lorenzo Semprini, fa visita all’Aranova. Dulcis in fundo, Cortina-CCCP: la compagine cara al presidente Mantero si affaccia tra le grandi forte di un settore giovanile sempre più splendente, filosofia che ha sempre guidato la storica attività nella disciplina degli avversari biancorossi. Sei mancata davvero, ma adesso si può dire a gran voce: bentornata C1!

Clicca QUI per la prima giornata del girone B


Francesco Carolis




COPIA SNIPPET DI CODICE