skin adv

Mario Patriarca e la sua scelta di vita: "Ora è il tempo della passione e del Città Eterna”

 10/10/2018 Letto 1043 volte

Categoria:    Serie D
Autore:    Marco Panunzi
Società:    F.C. CITTA ETERNA





Si è scritto molto sulla questione Rieti-Mannino, prima che la crisi tecnica venisse risolta con la conferma di Festuccia. Patriarca era stato tirato in ballo nel toto-panchina, ma le priorità per il tecnico pescarese ora sono altre. La scelta di abbracciare il Città Eterna e il ruolo di direttore tecnico nel sodalizio di Michieli ha prevalso sulla possibilità di tornare nel gotha del futsal.

FEDELTA' -  Per un tecnico come lui, con la sua competenza e il suo palmarès, il dubbio poteva venire. L’occasione di una panchina importante come il Rieti poteva essere ghiotta per Mario Patriarca. “Ho fatto una scelta di vita. Ho il mio ruolo di direttore tecnico, che porto avanti con passione in una società che vive di passione”, le parole di colui che, nella sua carriera da giocatore, ha vinto scudetto e European Tournament con la BNL, mentre da allenatore ha alzato una Winter Cup a Rieti nel 2016, oltre ad aver disputato due finali scudetto. “Mi piace l’idea del mio caro amico Lucio, la voglia che ha di portare avanti una società da tanti anni, trascinato solo dalla passione. Abbraccio e sposo questo modo di essere: per me fare la Serie A o la D è la stessa identica cosa, quindi metterò a disposizione le mie conoscenze sportive a servizio di persone che per prima cosa ci mettono la passione”.

IL MOVIMENTO -  Innegabile che Patriarca sia sempre sul pezzo. Quando hai vissuto numerose e soddisfacenti avventure nel mondo del futsal, è difficile uscirne totalmente fuori, quasi impossibile non stare attenti alle sirene che, un giorno o l’altro, potrebbero richiamarti. Ma non è questo il momento. “Col futsal è difficile viverci, adesso come adesso. Troppo umorale, legato a circostanze temporanee: un futsal che in Italia è ancora a livello di dilettanti non ti permette di impegnarti da professionista”, l’amara considerazione sul futsal del tecnico, in procinto di cominciare una nuova avventura lavorativa lontano dai campi. “Mai dire mai, magari un giorno tornerò ad alti livelli: ora però è il tempo della passione e della Città Eterna”.




COPIA SNIPPET DI CODICE