skin adv

Barra non vuole scegliere: “Lido, nessuna priorità. Puntiamo a tutto”

 08/11/2018 Letto 72 volte

Categoria:    Serie A2
Autore:    Antonio Iozzo
Società:    TODIS LIDO DI OSTIA





Il solito Lido. Costretto a inseguire, ma bravo a recuperare. Il copione non cambia neanche in Coppa Italia, con la formazione di Matranga che va sotto 2-0, ma poi supera per 3-2 il Cefalù e conquista la qualificazione al secondo turno.

“Ci tenevamo a fare bene e a battere una squadra che ci precede in campionato - afferma Federico Barra -. La società tiene molto a tutte le competizioni, inoltre, giocando in casa, avevamo uno stimolo in più. Adesso sarà bello misurarsi in un altro triangolare, per provare a raggiungere la Final Four”. È un Lido ancora in corsa su tutti i fronti, è un Lido che non vuole scegliere: “Non abbiamo priorità, se non quella di cercare di arrivare in fondo in ogni competizione - spiega il capitano -. Non facciamo calcoli né gestiamo le energie in vista del campionato: noi entriamo e diamo tutto per centrare la vittoria a prescindere dalla manifestazione”.

Anche mercoledì, però, la formazione di Matranga si è trovata sul doppio svantaggio: “Hanno sfruttato le uniche due occasioni che gli abbiamo concesso. Stavamo spingendo sull’acceleratore per passare in vantaggio, invece sono stati loro a segnare”, commenta Barra, senza sottovalutare quello che con il passare delle settimane sta diventando un problema. “A volte sbagliamo l’approccio, ma lavoreremo per migliorare anche questo aspetto, perché non sempre gli avversari ti danno la possibilità di ribaltare completamente il risultato, vedi il Pistoia”.

Il tempo per godersi i successi non esiste. Con tre fronti sul quale competere, il Lido deve essere bravo a saper subito voltare pagina, per preparare nel migliore dei modi l’impegno successivo. Testa, dunque, alla sesta giornata di campionato, che vedrà Barra e compagni di scena sul campo della Roma: “Una squadra giovane e spregiudicata. Dovremo far valere l’esperienza che abbiamo e portare a casa la partita, perché i tre punti per noi sono estremamente importanti. Non possiamo permetterci di perdere altro terreno: abbiamo l’obbligo di vincere”. Obbligati a vincere sempre, per non dover rinunciare a nulla: questo il Barra pensiero.


Antonio Iozzo