skin adv

Montemurro-Club Italia, bum bum: subito Main Round nel Belpaese e cambio cittì

 24/12/2018 Letto 479 volte

Categoria:    Nazionale
Autore:    Redazione
Società:    ITALIA





Sin dal suo insediamento in Divisione, il rinnovamento dell'Italfutsal è stato un pensiero tanto stupendo quanto ricorrente. Ci ha messo un po' a farsi sentire, ha dovuto alzare la voce per rivendicare la gestione del futsal a chi conosce meglio di tutti la materia. E' stata una lunga battaglia. Vinta. E dalle parole sin passa, in un battibaleno, ai fatti.
 
EFFETTO MONTEMURRO - Ad appena un mese da quando si è seduto a quel tavolo di lavoro di Club Italia, il presidente della Divisione ha fatto sentire subito il suo peso specifico e la sua voglia di regalare visibilità anche all'Italfutsal, contribuendo in maniera decisiva all'auspicato cambiamento, che fa rima con innovamento, per la nostra cara Nazionale di calcio a 5. L’Italia tornerà ad ospitare un evento internazionale (22-27 ottobre 2019) a quattro anni di distanza dalle qualificazioni per i Mondiali di Cali (a Bisceglie e a Bari) in quel Main Round nel quale gli Azzurri incontreranno certamente l'Ungheria, la vincente del girone B del Preliminary Round (una fra Bielorussia, Norvegia, Kosovo e Andorra) e la seconda del gruppo A (Lettonia, Inghilterra, Cipro o Gibilterra). Non solo. Ecco, il tanto atteso cambio sulla panchina Azzurra, ufficiale dall'1 gennaio, con Alessio Musti erede di Roberto Menichelli. Bum-bum: la doppietta è servita. "Ho sempre sostenuto la candidatura di Alessio Musti a commissario tecnico". Così parlò il numero uno del futsal nostrano, il presidente del fare. "Finalmente si è arrivati a quella che credo sia la soluzione più giusta e organica per rilanciare la nostra amata Italia, che è un patrimonio di tutti noi e ha bisogno del sostegno e della collaborazione di tutto il movimento. Rivolgo un sentito e sincero in bocca al lupo al ct per il suo nuovo incarico: è un nuovo inizio per il calcio a cinque italiano, siamo orgogliosi di farne fattivamente parte. Ringrazio il presidente della Figc, Gabriele Gravina, e il presidente della Lnd, Cosimo Sibilia, per la concreta collaborazione nella crescita del nostro percorso".
 
Redazione C5Live




Pubblicità