skin adv

Vinci cala il pokerissimo, Vis Sora corsara sul campo del Marina Club

 07/01/2019 Letto 244 volte

Categoria:    Serie D
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    VIS SORA





La Vis Sora bagna il 2019 con una vittoria fondamentale in ottica classifica. I tre punti conquistati espugnando il Marina Club di Minturno, consentono infatti alla truppa bianconera di restare agganciata alle zone alte delle graduatoria, quelle decisive per l'approdo ai playoff.

Partita disputata su un impianto poco consono alle caratteristiche tecniche della Vis, avvezza a sviluppare la propria manovra in ampiezza e profondità, tuttavia sempre condotta in vantaggio dagli ospiti fino alla rete decisiva siglata ad una manciata di minuti dal triplice fischio. Tre punti estremamente sofferti che denotano però, se ancora ce ne fosse bisogno, la forza e lo spessore di un gruppo, quello plasmato dal Presidente Francesco D'Ambrosio,  che si mostra davvero granitico al suo interno, lottando in ogni occasione compatto per conseguire l'obiettivo comune.

LA GARA – Trascorreva solo un giro d'orologio e il bravissimo Giovanni Vinci sbloccava il risultato. Il pivot bianconero, dopo aver ricevuto palla al limite dell'area piccola, si girava repentinamente lasciando partire una precisa conclusione che andava ad insaccarsi inesorabilmente all'angolino. Nemmeno il tempo di respirare e il Marina Club agguantava il pareggio grazie ad una conclusione dalla linea laterale del campo che non lasciava scampo al portiere ospite. Il susseguirsi di emozioni non accennava ad arrestarsi e dopo uno scampolo di gara era sempre l' implacabile Vinci a portare avanti i suoi, in questa occasione con un tocco di rapina sugli sviluppi di un tiro d'angolo. 2-1 Vis. A questo punto i padroni di casa decidevano di rimettere in scena il copione già sperimentato: fendente scoccato dalla lunghissima distanza e pallone in fondo al sacco. 2-2 ,quando le lancette segnavano solo il decimo minuto. Nel marasma generale, decideva di salire in cattedra il talento indiscutibile di Marco Alonzi, il quale, caricato dai pungoli continui dei compagni dava sfoggio del suo repertorio d'alta scuola, offrendosi in questa occasione al servizio della squadra. Pregevole risultava l'azione del 2-3 Vis: pallone proveniente dalle retrovie ospiti, sponda di testa del giovane esterno bianconero in favore dell'accorente Vinci e conclusione chirurgica del pivot a freddare il portiere proteso in uscita. Emozioni finite? Nemmeno per sogno. Prima dello scadere del tempo c'era spazio per la rete del 3-3 dei padroni di casa, maturata da un tiro dalla lunga distanza non coperto dalla retroguardia bianconera e per il goal dell'ennesimo vantaggio Vis, firmato ancora una volta, neanche a dirlo, dal mattatore di giornata Giovanni Vinci. Anche in questo  frangente, gran parte del merito va ascritto all'estro di un Marco Alonzi in grande spolvero, bravissimo a saltare di slancio due avversari e a porgere al compagno l' invito per il più facile dei tap-in. Si andava dunque a prendere un tè caldo sul punteggio di 4-3 in favore degli ospiti. Al nuovo inizio delle ostilità il trend non mutava, con i bianconeri che proseguivano nel loro assedio, mentre i padroni di casa si trinceravano strenuamente in difesa del proprio fortino. I reiterati attacchi  Vis dopo qualche tentativo finalmente pervenivano a buon esito: era Marco Alonzi Alonzi a trasformarsi da rifinitore a finalizzatore, prendendo palla sulla linea centrale del campo e scagliando un sinistro sul secondo palo di pregevole fattura balistica. Con il vantaggio di due reti sembrava che fosse stato solcato l'allungo decisivo, ma gli indomiti pontini raggiungevano di nuovo il pari. La segnatura scaturiva di nuovo dal solito schema: rimessa laterale sulla trequarti Vis, appoggio della punta locale in fase di battuta, uscita in ritardo della difesa bianconera e conclusione a sorprendere l'incolpevole Pozzuoli all'incrocio dei pali. Alcune decisioni arbitrali e il tempo che scorreva inesorabile facevano immaginare il peggio per le sorti di Filippo Ascione e soci, ma il funambolico Marco Alonzi, ispirato come mai, in occasione dell'Epifania decideva di confezionare il regalo il più dolce per i suoi: azione fotocopia di quella della prima frazione, con il giovane esterno che partiva in fuga dopo aver superato due avversari, traversone teso sul secondo palo e appoggio in porta dello spietato Vinci che faceva esplodere l'entusiasmo degli ospiti. L' espulsione di Ascione per doppio giallo negli istanti finali e l'epica difesa dei bianconeri in inferiorità numerica nei minuti di recupero concludevano una contesa ricca di emozioni.

Il risultato finale, decretando la vittoria Vis, costituisce un buon viatico per il prosieguo della stagione soprattutto in vista dei prossimi impegni, sulla carta proibitivi contro le prime due della classe. Appuntamento per la settimana prossima in casa contro la capolista Ceccano, in un incontro che si preannuncia estremamente affascinante.


Ufficio Stampa Vis Sora





Pubblicità