skin adv

TCL Move Up, 3 punti e poco più. Bartoli chiaro: “Non siamo più in rodaggio”

 26/01/2019 Letto 255 volte

Categoria:    Serie D
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    TCL MOVE UP





Vincere bene, vincere di misura. Farlo convincendo, farlo senza particolari emozioni: gli arancioneri con la Femminile Lazio mettono in cascina gli ultimi 3 punti del girone di andata ma senza stupire. Papa, Di Massa e Guitaldi a segno nell’ultimo match interno della prima metà della stagione. Bartoli però non è per niente soddisfatto della prova offerta dai suoi.

FEMMINILE LAZIO – Inizia subito bene la partita per gli arancioneri, nella gelida cornice del Roma 3Z: nonostante le rigide temperature, dopo neanche un minuto Papa mette a segno la prima rete dell’incontro. Il gol nelle primissime battute, però, invece che essere il preludio ad una grande serata è l’anticamera di una gara molto complicata.A metà del primo tempo il direttore di gara annulla un gol apparso regolare ad Alessio Guitaldi (a suo giudizio la sfera non aveva varcato la linea di porta), guizzo solitario e conclusione tremenda da fuori. Questo l’ultimo segno di vita degli arancioneri per molto tempo: da quel momento, fino al gol di Di Massa al 22’ della seconda frazione, molti errori in fase di costruzione e alcune scelte superficiali, che hanno rischiato di compromettere l’intera gara. Già Del Signore aveva pensato a riequilibrare la partita all'inizio della ripresa, andando a segno al 5'. Una prova salvata solo dalle reti finali, la prima propiziata dal portiere di movimento e la seconda (al 30’) messa a segno da Guitaldi.

PAROLA AL MISTER – “Gara vinta, ma non abbiamo espresso una prestazione all’altezza. Ho visto tante lacune, non mi è piaciuto come abbiamo cercato il vantaggio né come poi lo abbiamo gestito nei minuti finali. Di questa serata, sostanzialmente, mi è piaciuto poco o niente”, l’analisi dura del tecnico Luciano Bartoli. 3 punti importanti con cui chiudere il girone di andata, dopo lo stop di Colleferro: ma non sufficienti, per il mister, a dare sicurezza in vista della fase più delicata della stagione. Il girone di ritorno, solitamente più ostico di quello d’andata, che inizia dal difficile match col Velletri. “Dobbiamo lavorare, dobbiamo crescere. Abbiamo passato il giro di boa, quindi il lavoro svolto in settimana si deve vedere. Abbiamo smosso la nostra classifica dopo la sconfitta nell’ultimo turno ma dobbiamo far ripartire anche la macchina del nostro gioco. Non siamo più in fase di rodaggio”


Ufficio Stampa TCL Move Up





Pubblicità