skin adv

Carrarini, fine di un incubo: "Che bello rientrare. Hornets, crediamoci"

 07/02/2019 Letto 238 volte

Categoria:    Serie C1
Autore:    Alessandro Pau
Società:    SPORTING HORNETS





Lo Sporting Hornets ottiene la seconda vittoria consecutiva e riapre tutti i discorsi per la corsa alla salvezza. Inoltre, nella vittoria contro la CCCP (4-3 in trasferta), ha fatto il suo esordio stagionale Alessandro Carrarini, rientrato da un infortunio che lo ha tenuto fuori per molti mesi.

IL CALVARIO – Sul finale della scorsa stagione, l’universale Alessandro Carrarini ha subito un infortunio che lo ha tenuto fuori fino a gennaio, facendogli quindi saltare tutta la prima parte di stagione: “Sono sincero, probabilmente all’inizio ho sottovalutato l’entità dell’infortunio, ma poi, quando il primo giorno di preparazione, ho sentito dolore, ho capito che la soluzione migliore era fermarsi - spiega lo stesso Carrarini -. Questo mi ha costretto a fare fisioterapia fino a gennaio, quando ho iniziato ad allenarmi regolarmente con la squadra, fino all’esordio stagionale arrivato sabato contro la CCCP. Tornare a calcare il campo in una partita ufficiale dopo tutto questo tempo è stata una emozione speciale. Mi sono messo a disposizione del mister per dare una mano alla squadra: sono contento, e devo dire che il mister, che prima non conoscevo, si è rivelato una persona molto preparata. Ho seguito gli allenamenti e le partite in questo periodo, e ho visto un gruppo unito e voglioso: ho fatto di tutto per tornare il prima possibile”.

CHE SPINTA – La trasferta sul campo del CCCP era un crocevia per la stagione dei gialloneri: prima della 18° giornata la differenza tra le due squadre era di 5 punti, ed una sconfitta avrebbe probabilmente messo un macigno insormontabile tra le due compagini. Invece, i ragazzi di patron De Santis sono riusciti ad imporsi con un bel 4-3, accorciando le distanze: “Vincere era fondamentale - afferma Carrarini -, e ci siamo riusciti, seguendo le indicazioni del mister. Per lui, subentrato a campionato in corso, non era facile imporre le proprie idee, ma ogni settimana la squadra fa dei passi avanti. Già dalla partita con la Fenice, anch’essa vinta, la squadra ha seguito al dettaglio i suoi dettami, ottenendo 6 punti in due scontri diretti. Abbiamo pensato più a vincere che a giocare bene, e questa concretezza ci ha fatto fare un buon passo avanti. Personalmente sono soddisfatto, ed ho già parlato col mister, che farà il possibile per gestire gradualmente il mio rientro”.

CREDERCI – Le ultime settimane hanno dato agli Hornets un’importante spinta verso l’alto, portandolo in piena zona playout, con meno preoccupazioni riguardo la regola degli 8 punti: “Qui vedo un gruppo molto unito e con tanta determinazione: dobbiamo crederci fino alla fine - continua Alessandro Carrarini -. La C1 ha una stagione molto lunga e, soprattutto nelle zone basse, non si può mai dire l’ultima parola fin quando la matematica non dà la sua sentenza definitiva. Noi ci proveremo, anche se probabilmente due mesi fa la classifica ci dava quasi per spacciati: siamo una squadra giovane, ma preparata, e tutte le prossime gare saranno delle finali, a partire dalla partita di sabato con la Pro Calcio”.


Alessandro Pau





Pubblicità