skin adv

Infinito Joaozinho, pari in extremis con il Came Dosson. Festuccia: "Il Real Rieti c'è"

 12/02/2019 Letto 187 volte

Categoria:    Serie A
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    REAL RIETI





Si conclude in parità il “Monday Night” della 15esima giornata, tra il Real Rieti e la Came Dosson: 5-5 il risultato finale, in una vera e propria altalena di emozioni, deciso a pochi secondi dal suono della sirena dall’autorete di De Matos. Nonostante le assenze di Alemao, Micoli, Jefferson e Nicolodi, le non perfette condizioni di Jeffe e l’influenza di Putano, il Real Rieti ha gettato in campo tutto quello che gli rimaneva a disposizione riuscendo a tenere testa ad una Came Dosson che, seppur privo di Bertoni, ha tenuto bene il campo sfiorando il colpaccio.
 
LA PARTITA  Apre le danze Kakà al 5’, ma neanche il tempo di centrare il pallone a metà campo che arriva il pari di Igor (1-1). Al 14’ De Matos inventa un gol da cineteca piazzando il pallone tra palo e portiere (1-2), ma il Real non molla e prima rischia di capitolare quando Vieira a tu per tu con Putano tenta una “bicicletta” maldestra e sul rinvio del portiere Kakà fa  2-2. Ad inizio ripresa Joaozinho s’inventa un gol pazzesco: destro dalla propria area di rigore con Morassi fuori dai pali ed è 3-2. Ma la stanchezza e la limitazione nelle rotazioni si fanno sentire, la Came ne approfitta e prima trova il pari con Bellomo al 7’, poi si riporta di nuovo avanti con Igor che da due passi spiazza Putano (3-4). Il Real si riporta in avanti, Chimanguinho fa a sportellate con Bellomo, ma non passa, De Matos invece sì: 3-5 e gara che sembra ormai segnata. Ma la formazione di David Festuccia è dura a morire, Joaozinho si guadagna la palma del migliore in campo realizzando il gol della speranza (4-5) e propiziando l’autorete finale di De Matos che fissa il punteggio sul 5-5 a 40”dal suono della sirena. L’ultima azione è della Came che ci prova col portiere di movimento, ma il quintetto veneto perde l’attimo e “muore” con la palla tra i piedi.
 
FESTUCCIA - Al termine della gara, il tecnico del Real Rieti, David Festuccia, commenta così i 40’ più intensi e più sofferti della stagione: “Sapevamo che avremmo dovuto fare i conti con le tante defezioni – dice – ma debbo fare i complimenti a chi è sceso in campo anche in condizioni non ottimali, recuperando una gara tutt’altro che facile, contro un avversario motivato e tosto fino alla fine. Continuiamo sulla scia di ciò che è stato costruito finora: ci prendiamo questo punto e muoviamo la classifica, consapevoli del fatto che ci sarà ancora tanto da lottare e altrettanto da soffrire. Ma noi ci siamo. Ora cerchiamo di recuperare in fretta le energie perché venerdì ci attende un’altra battaglia: a Catania dovremo fare i conti con un avversario in salute, che già qui a Rieti aveva denotato segnali importanti. Il fatto di essere riusciti ad evitare cartellini ai due diffidati (Chimanguinho e Joaozinho, NDR) è stato fondamentale".
 
REAL RIETI-CAME DOSSON 5-5 (p.t. 2-2)
REAL RIETI: Putano, Jeffe, Chimanguinho, Joaozinho, Abdala, Relandini, Esposito, Stentella, Grifoni, Bucci, De Michelis, Kakà, Aquilini, Rafinha. Allenatore: Festuccia.
CAME DOSSON: Morassi, Belsito, Fusari, Bellomo, Grippi, Pietrangelo, Ronzani, De Matos, Vieira, Sviercoski, Igor, Schiochet, Rosso, Furlanetto. Allenatore: Rocha.
ARBITRI: Manzione di Salerno, Marangi di Brindisi, Gentile di Roma 1; CRONO: Ribaudo di Roma 2.
RETI: 5’06” Kakà, 5’29” Igor, 13’36” De Matos, 18’53” Kakà, 3’37”st Joaozinho, 6’35”st Bellomo, 9’10”st Igor, 9’42”st De Matos, 10’19”st Joaozinho, 19’19”st De Matos (aut.).
NOTE: Abdala (RR), Fusari, Igor (C).
 
UFFICIO STAMPA




Pubblicità