skin adv

Altamarca, fine della corsa: Nalesso, Tenderini, Cavaglià fanno volare la Fenice

 18/02/2019 Letto 149 volte

Categoria:    Serie B
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    SPORTING ALTAMARCA





Una partita attesa per il momento di forma dello Sporting Altamarca che arriva alla sfida con la seconda della classe dopo sei risultati utili di fila che hanno cambiato il volto a questa prima stagione in serie B. L’occasione è quella di confrontarsi contro la temibile Fenice, compagine veneziana strutturata sui propri giovani che sta raccogliendo i frutti di un lavoro importante fatto negli anni. Mister Baldasso ritrova Coppe dopo il lunghissimo stop, ma deve rinunciare a Turiaco infortunato.
 
LA PARTITA - Richiama al Palamaser ben 500 persone ad assistere ad un match intenso per ciò che si è visto sopratutto nella prima frazione e ad una ripresa calda per alcune decisione arbitrali dubbie che hanno messo in sicurezza il risultato per gli ospiti che comunque meritano di tornare a cosa con l’intera posta in palio e allungare sulle inseguitrici. Lo Sporting Altamarca se può deve recriminare per una prima frazione in cui le occasioni non sono mancate, ma ad una scarsa precisione sotto porta e poca cattiveria da parte di De Zen e Ait Cheikh si aggiunge una prestazione di spessore per l’estremo veneziano Molin. E se non concretizzi le occasioni avute, vieni punito, e così a ben 4” dalla fine del primo tempo la Fenice passa con Nalesso su situazione di palla inattiva. Nella ripresa il match rimane equilibrato, ma la Fenice raddoppia con Tenderini, il suo numero 10 che trafigge Miraglia con un tiro rasoterra, forse una situazione di blocco, ma il gap aumenta. Il match si fa caldo quando Brancher viene espulso, un fallo interpretato male dal direttore di gara ( l’universale bianco blu cercava la palla) che permette agli ospiti di gestire due minuti effettivi con la superiorità numerica. Lo Sporting reagisce con Miraglia quinto di movimento, ma i tentativi di Malosso, Yabre e Iglesias vedono infrangersi su un ottimo Molin permettendo agli ospiti di realizzare il terzo gol con Cavaglià, anche se Miraglia subisce fallo che però non viene fischiato dalla terna odierna. Nel finale è Er Raji ad accorciare le distanze sfruttando la deviazione di Caregnato; ma il tempo a disposizione è quasi finito e lo Sporting dopo 6 risultati utili deve cedere alla seconda della classe.
 
L'ANALISI - Uno stop che ci può stare visto il cammino e le qualità dell’avversario, ma meno per quello visto in campo, anche se da parte nostra ci vuole più concretezza nella occasioni a favore. Ora una settimana di duro lavoro prima della lunga e impegnativa trasferta ad Imola contro la capolista Imolese, squadra sempre più indirizzata alla promozione in A2.
 
Sporting Altamarca: Iglesias, Brancher, Toso, Er Raji, Malosso, Coppe, Ait Cheikh, Kovacevic, Yabre, Miraglia, Nicolati, De Zen. All. Baldasso
 
Fenice Venezia Mestre: Andretta, Bertuletti, Marton, Meo, Giommmoni, Caregnato, Botosso, Vanin, Cavaglià, Tenderini, Nalesso, Molin. All. Pagana
 
Marcatori: Nalesso, Tenderini, Cavaglià per gli ospiti, Er Raji per lo Sporting

Ufficio stampa Sporting Altamarca




Pubblicità