skin adv

Maritime, Everton pretende una reazione: “Battiamo il Came e ripartiamo”

 08/03/2019 Letto 272 volte

Categoria:    Serie A
Autore:    Antonio Iozzo
Società:    MARITIME FUTSAL AUGUSTA





Sotto shock. La sconfitta contro la Lazio ha turbato profondamente il Maritime, fuori dalla Final Eight di Coppa Italia e adesso chiamato, anzi obbligato a rialzare subito la testa. Inevitabilmente, senza appello, già nella trasferta sul campo del Came Dosson.

“L’eliminazione brucia tantissimo - ammette Everton -. La Final Eight è una manifestazione bellissima, una vetrina per tutti: società e giocatori”. Contro i biancocelesti un k.o. scioccante quanto inaspettato: “La Lazio, però, ci ha aveva messo in difficoltà anche nei due precedenti”, ricorda il tecnico, sottolineando poi un aspetto. “La Serie A è molto equilibrata: se non approcci bene, può diventare difficile con chiunque. Noi nel primo tempo non abbiamo fatto benissimo, mentre nella ripresa la squadra ha macinato gioco e creato tanto: tuttavia, in questo sport, se non metti la palla dentro, prima o poi vieni punito, e a noi è successo all’ultimo secondo, sulla sirena”.

Una delusione da trasformare in energia positiva. Per ripartire subito: “Il gruppo ha capito la lezione - assicura l’allenatore -. Ci aspettano cinque partite complicate, ma l’unico modo per rialzarci subito è battere il Came. Parte tutto dall’atteggiamento, che è fondamentale”. Atteggiamento che è sinonimo di approccio: “Se non entriamo decisi, determinati, allora rischiamo in ogni gara - avvisa Everton -. Came? Hanno un bel pubblico, in casa si caricano, ma noi andremo lì per fare bene: ne abbiamo bisogno per il nostro morale, perché il k.o. con la Lazio fa ancora male. Non c’è cosa migliore di ricominciare con una bella vittoria in trasferta”. È l’unico modo per superare lo shock.


Antonio Iozzo




COPIA SNIPPET DI CODICE

Pubblicità