skin adv

Miarelli chiude la porta a doppia mandata. "E l'Italfutsal continua a vincere"

 17/04/2019 Letto 489 volte

Categoria:    Nazionale
Autore:    Pietro Santercole
Società:    ITALIA





Marcelinho, già autore di una superlativa prestazione con l'Argentina, segna le sue prime reti in Azzurro risultando decisivo a Pescara, ma l'Italfutsal non avrebbe battuto la Bosnia inanellando la terza vittoria nei quattro incontri del nuovo corso, senza le super parate nel finale di un grande Miarelli.
 
L'ANALISI L'estremo difensore dell'Italservice, schierato nella ripresa da Alessio Musti, risponde ancora una volta presente, analizzando a tutto tondo la prestazione Azzurra nella gara conclusiva del Triangolare Internazionale del Pala Giovanni Paolo II. "Le squadre dell'Est sono forti fisicamente e quando la partita è in bilico capita di soffrire, questo lo sapevamo". Primo tempo da dimenticare, questo però va detto. "Secondo me non è stata una questione di approccio sbagliato - spiega - ricordiamoci sempre che di fronte avevamo una nazionale, i migliori del loro paese, e lo hanno dimostrato anche con l'Argentina, dove sono stati in partita per oltre 20', prima di perdere la bussola. Era una partita diversa da quella con l'Argentina. che gioca a viso aperto e lascia sempre qualche spazio. La Bosnia, invece, è stata ordinata e compatta là dietro, difficile entrare quando è così. Siamo stati anche un po' sfortunati, ma alla fine siamo riusciti a vincere". Dopo la doppietta in Romania e il più che positivo pari coi campioni del mondo, arriva un altro risultato che infonde fiducia per il nuovo corso Azzurro. "Abbiamo avviato un processo di forte ricambio, di rifondazione o quanto sia - conclude Miarelli - l'importante è andare in campo e vincere. Quello di cui ha bisogno questa Nazionale è la vittoria. E quindi possiamo solo essere soddisfatti". Avanti così.
 
Pietro Santercole



COPIA SNIPPET DI CODICE

Pubblicità