skin adv

Ripercorriamo i due grandi successi dell’Italia maschile e gli allenatori azzurri

 15/09/2021 Letto 292 volte

Categoria:    Nazionale
Autore:    Redazione
Società:    ITALIA





A partire dal 1984 fino ad oggi: spiccano, nella bacheca della Nazionale maschile ben due titoli Europei, che probabilmente in pochi anche tra gli appassionati di scommesse che giocano in modo sicuro su casinoonlineaams.com, erano convinti di portare a casa.

Uno dei grandi meriti che bisogna riconoscere alla Nazionale di calcio a 5 è quello di essere stata in grado di raggiungere sempre e comunque tutte e dieci le edizioni del Campionato Europeo che sono state disputate a partire dal 1984 in avanti.

Sono due, come dicevamo, i titoli vinti: il primo alloro è arrivato nel 2003 in casa, visto che si giocava il torneo a Caserta, mentre la seconda affermazione è giunta in terra straniera, ovvero in Belgio, sette anni fa, nel 2014. Non solo vittorie, ma anche diversi piazzamenti di assoluto spessore. Ad esempio, è da rimarcare il secondo posto alle spalle della Spagna nel 2007, Europeo che si è disputato in Portogallo, oppure il gradino più basso del podio che è giunto per ben tre volte. La prima nel 1999 in Spagna, poi sei anni più tardi in Repubblica Ceca e, infine, nel 2012 in Croazia. Nel 2020, purtroppo, l’Italia è uscita dal Mondiale per colpa della sconfitta con il Portogallo.

La seconda nazione in Europa per vittorie

Dietro solamente alla Spagna, protagonista anche nell’ultimo Europeo con una spettacolare vittoria per 5-3 sulla Croazia, che si è laureata campione d’Europa per la bellezza di sette volte, la Nazionale italiana maschile di calcio a cinque rappresenta una delle potenze a livello europeo, dal momento che è la seconda squadra ad aver vinto di più a livello continentale.

Come è andata, invece, nelle sette edizioni della Coppa del Mondo a cui l’Italia ha preso parte? Purtroppo, gli azzurri non sono mai arrivati fino in fondo ad alzare la coppa, anche se ci sono andati molto vicini in diverse occasioni. Qualche esempio? Nel Taipei Cinese, nel 2004, è arrivato un secondo posto, mentre per ben due volte l’Italia è salita sul gradino più basso del podio, ovvero nel 2008 in Brasile e nel 2012 in Tailandia.

La storica vittoria sul Brasile e i commissari tecnici

La prima partita della sua storia, la Nazionale azzurra la giocò in un piccolo paesino in Belgio, dove sconfisse in modo decisamente netto e rotondo l’Olanda, prendendo parte al Torneo denominato “Quattro Nazioni”. In panchina sedeva Enzo Trombetta, un allenatore storico che aveva già raccolto risultati storici guidando la compagine romana della Tevere Remo.

Grazie ai consigli e alle indicazioni di Trombetta, l’Italia nel 1986, correva per la precisione il 18 novembre, riesce a ottenere una vittoria che passa la storia, battendo il Brasile con il punteggio di 2-1 nel Torneo Fifa che si disputò a Budapest nel 1986. È l’unico successo nella storia azzurra centrato contro i brasiliani, che hanno conquistato ben tre allori mondiali.

Da quel momento, dopo l’era Trombetta, che durò per ben 37 partite, sulla panchina della Nazionale maschile di calcio a cinque si sono avvicendati cinque allenatori. Si tratta di Carlo Facchin, che ha disputato 61 gare in due mandati, poi Vasco Tagliavini, che è rimasto alla guida degli azzurri per sole 15 partite.

 

Il resto è storia recente, con Alessandro Nuccorini, che si è seduto per ben 151 volte sulla panchina azzurra, Roberto Menichelli che ha debuttato in panchina nel marzo del 2009, infliggendo un sonoro 10-1 alla Georgia in un match legato alle qualificazioni per il Campionato Europeo. Ed è proprio grazie a questi ultimi due allenatori che l’Italia è riuscita a vincere due titoli continentali.

Il 21 dicembre 2018 Menichelli lascia la Nazionale a scadenza di contratto. Al suo posto subentra Alessio Musti. In seguito alla mancata qualificazione degli azzurri alla Coppa del Mondo 2020, il 30 giugno 2020 la federazione non gli rinnova il contratto. Il 15 settembre 2020 Massimiliano Bellarte viene nominato commissario tecnico della nazionale italiana.




COPIA SNIPPET DI CODICE

Pubblicità