skin adv

#IostoconCanal: fenomeno virale. ll popolo della rete si schiera con Mauro

 22/04/2017 Letto 4690 volte

Categoria:    Serie A
Autore:    Pietro Santercole
Società:    VARIE





IL CASO - Quattro anni di squalifica. Dal 21 aprile 2017 al 20 febbraio 2021, dedotto il presofferto. Con tanto di spese del procedimento quantificate forfetariamente in 2760 euro. Questa la sentenza della Prima Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping, nel procedimento disciplinare a carico di Mauro Canal, l'ala del Pescara risultato positivo al Clostebol il 25 marzo 2016, in un match di regular season contro la Luparense. Una sentenza che il Pescara reputa "assolutamente ingiusta, abnorme, aberrante e contro la quale verrà proposto immediato ricorso". Una sentenza che ha scatenato il popolo della rete.


L'HASHTAG - #IostoconCanal diventa subito un fenomeno virale. Tanti, tantissimi i giocatori che si schierano dalla parte del Delfino. Molti sono avversari, come Giovani Pedotti. Che avrebbe dovuto incrociare Maurito proprio sabato a Cercola per l'ultima gara di regular season fra Napoli e Pescara. "Sono il tuo fan numero uno - posta l'ex Real Dem - giocare con te ed essere tuo amico per me è un onore. Dopo la tempesta arriva sempre il sole". Sergio Romano gioca ora nell'Acqua&Sapone: "Giocatore incredibile ma soprattutto persona d'oro, stavo con te prima, figuriamoci adesso". Edgar Bertoni milita nella Luparense. "Anche se per poco tempo ho avuto il piacere di dividere lo stesso spogliatoio e allenarmi con te, so che persona sei - scrive uno dei 6 decani dell'Italfutsal sempre in uno stralcio di un post su facebook - per me quello che è successo è un'ingiustizia". Marco Ercolessi del Kaos allo scoperto: "Forza amico mio che dire.... come giocatore parlano i titoli, come uomo compagno e amico posso solo dire che mi hai insegnato la lealtà e la purezza dell'uomo che sei #iostoconcanal". La notizia, chiaramente fa il giro del mondo. Gréllo, ex compagno di squadra di Canal, ora coi belgi dell'Halle Gooik: "Anche se sono stato solo un anno con te - posta l'ex ElPozo - ti conosco e non meriti una punizione del genere". Dall'Argentina, ecco Abdala: "Non ho dubbi, sanzione ingiusta. Forza Maurito". Waltinho ha lasciato l'Italia per il Fundão, in Portogallo, "promesso sposo" dei giapponesi del Nagoya. "Ingiustizia, innocente! Sono sicuro che le cose si sistemeranno". Dal Kuwait si muove perfino Vampeta. "Speriamo che giustizia sia fatta. Questa è la più grande sconflita della storia del calcioa 5 italiano". Si potrebbe continuare per ore, quell'hashtag è essere sempre più utilizzato da giocatori, tifosi del Pescara e non.

 

Pietro Santercole