skin adv

Cagliari, il bilancio di Podda: "Un 2017 di gioie, seminiamo per maturare"

 23/12/2017 Letto 222 volte

Categoria:    Femminile
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    FUTSAL FUTBOL CAGLIARI





Da Pescara a Thiene passando per il consolidamento in serie A, alle Final Eight e la Coppa Italia, senza dimenticare il progetto giovani e le soddisfazioni con le categorie maschili. Si chiude il 2017 della Futsal Futbol Cagliari tra sorrisi, fatica, tante certezze e uno sguardo al futuro. Il progetto sta crescendo e si è allargato in un anno ricco di soddisfazioni. Un progetto voluto e costruito dal presidente Efisio Pisano col supporto di uno staff tecnico di grande livello e suggellato sul campo da ragazzi e ragazze di grande qualità. A guidare il progetto tecnico, mister Diego Podda, ancora una volta fiore all’occhiello Ffc tra i tecnici isolani.

Diego, finisce l’anno solare. Cosa ti porti di questo 2017?
"Tante soddisfazioni. Siamo molto contenti di quello che abbiamo fatto e chiudiamo un anno solare iniziato con il successo di Pescara della scorsa stagione che ci ha garantito la permanenza in serie A e l’accesso al Gold Round. Quella fu la miglior partita della scorsa stagione diventato il preludio a quella che sarebbe stata la nuova annata. Oggi affrontiamo la serie A con un anno di esperienza in più, cercando di migliorare con obiettivi più ambiziosi e, fin ora, ci stiamo riuscendo".

A che punto siamo?
"A metà di questo cammino. Abbiamo raggiunto il primo prestigioso obiettivo della stagione: la qualificazione in Coppa Italia. Non lo abbiamo mai dato per scontato perché siamo consapevoli di avere in organico buonissime giocatrici ma conosciamo anche le difficoltà del nostro progetto. Non vogliamo ottenere un risultato settimanale ma seminare per far maturare quotidianamente il gruppo e consolidare la squadra".

Un progetto, dunque, molto più ampio e ambizioso.
"Sì, dall’anno scorso abbiamo allargato il progetto ai ragazzi e quest’anno ancora di più con la serie C1, l'Under 19, gli allievi e il settore giovanile. Questo testimonia che stiamo mettendo in campo le nostre idee e realizzando un bel progetto. Non abbiamo fretta e vogliamo consolidarci giornalmente per dare una struttura solida alla Ffc che resti viva nel tempo. Sappiamo che gli episodi possono determinare una partita o una stagione ma non vogliamo legarci a questi ma creare qualcosa di più concreto sia nel femminile che nel maschile".

Proprio per questo la filosofia guarda ai giovani?
"Si, ma siamo al primo anno di questo nuovo lavoro con i pulcini e gli esordienti per l’attività di base. Abbiamo un gruppo di 30 ragazzi cosa per noi soddisfacente essendo al primo anno. Sono guidati da un tecnico bravo come Serginho, voluto e scelto dalla società perché rispecchia l’identikit del tecnico Ffc. Poi ci sono le squadre allievi e Under 19 che giocano sotto età proprio per guardare al futuro e non solo al presente. Ma c’è anche la serie C1, nata da un gruppo di amici che vogliono giocare insieme e stanno facendo qualcosa di importante col primo posto in classifica, non solo per le qualità tecniche ma per quelle umane e morali. La forza di questo gruppo sta nell’unione dei nostri giocatori che stanno portando a bruciare le tappe rispetto a quanto avevamo previsto".

Come sta facendo la squadra femminile...
"Siamo da tre anni in continua crescita e ci stiamo consolidando nella serie A. Abbiamo raggiunto il prestigioso obiettivo della qualificazione alla coppa con settimane di anticipo e guardiamo al futuro. Non ci siamo mai nascosti e vogliamo restare tra le prime otto anche alla fine del campionato per poterci giocare i playoff".

Cosa ti aspetti dal nuovo anno?
"Cercheremo di consolidare quanto fatto fino adesso. La società vuole crescere inserendo altre persone per arricchire lo staff tecnico. Il presidente, che sta facendo un ottimo lavoro, vorrà far crescere anche il lato dirigenziale. Il progetto che è stato attivato è molto interessante e si guarderà anche alla crescita tecnica. Vogliamo consolidarci nella massima serie femminile e arrivare al campionato nazionale attraverso la promozione anche con i ragazzi. Cercheremo di onorare anche la coppa Italia di categoria per poterla fare nostra. Ma nel futuro c’è soprattutto l’allargamento delle categorie giovanili. Ci manca qualcosa e cercheremo l’anno prossimo di completarla anche attraverso il reclutamento di tecnici preparati. Poi, un passo fondamentale, sarà quello di avere casa nostra con una struttura importante: la società sta lavorando per questo e faremo tutto il possibile".

Il 2017 ti ha portato anche soddisfazioni a livello personale.
"Sì, sono stato incaricato della docenza di tecnica calcistica nel corso per allenatori di calcio a cinque a Milano ed è un qualcosa che inorgoglisce me e la società. È andato benissimo e ho potuto svolgere il compito attraverso il lavoro quotidiano che posso fare con la società Ffc. È stata un’esperienza bellissima che mi ha permesso di migliorare, maturare e affinare la mia formazione come tecnico. Su questa scia cercheremo di lavorare per formare dei tecnici che abbiano la possibilità di trasferire le loro esperienze ad altri. Questo discorso verrà allargato anche attraverso lo sviluppo della Academy: qualcosa che fa parte del progetto che la Ffc ha in mente per il futuro".


Ufficio Stampa Futsal Futbol Cagliari