skin adv

Eboli: Fornari risponde a De Matos, buon pari nel derby con il Napoli

 06/01/2018 Letto 244 volte

Categoria:    Serie A
Autore:    Pietro Santercole
Società:    FELDI EBOLI





"La Campania vince al di là delle province". L'accoglienza del PalaDirceu per il derby tra Feldi Eboli e Napoli è da brividi, la curva rossoblù dà inoltre il benvenuto a Francesco Pio, terzogenito del presidente Di Domenico. Giù i coriandoli, sale l'adrenalina del match, una cosa è certa: nessuno vuole perdere.


PRONTI, VIA - Le squadre non si risparmiano sin dal fischio d'inizio, l'estremo ospite deve ripetersi due volte su Bico. Ad Espindola risponde Pasculli fermando sulla linea il tentativo di Ghiotti. Il duello tra portieri vede Espindola maggiormente impegnato nella prima frazione, negando a Vizonan la firma sul tabellino. Sobbalza la torcida rossoblù quando Fornari controlla di petto e manda in rete la sfera, ma l'arbitro annulla e ravvede un tocco di mano. Il Napoli commette 5 falli poco dopo la metà del primo tempo, la Feldi non ne approfitta e consuma il bonus. Gli sforzi dei ragazzi di Ronconi vengono vanificati da una carambola in area che favorisce De Matos, bravo a trovare il sette alla sinistra di Pasculli: 1-0 a 16'53". Fornari impatta su Espindola il tiro libero che preannuncia l'intervallo. Si riparte col botto, Fornari è lesto a deviare in rete una punizione di Bico :1-1 a 1'41". Si trema dopo poco, il palo di Patias scuote le coronarie. Gara vibrante con Pasculli che sale sugli scudi, prima su Andrè, poi doppio intervento su De Matos. La risposta rossoblù viaggia sull'asse Fornari-Perri, ma Espindola indossa il mantello e vola a deviare in angolo. La squadra di casa esaurisce il bonus falli, per cui comincia a subire la pressione dei ragazzi di Thiago Polido. Proseguono gli straordinari per la retroguardia ebolitana, che si fa trovare pronta sugli assalti azzurri, mentre prosegue il festival di cartellini spesso dubbi. Termina tra gli applausi di tutti i presenti la seconda edizione di questo derby del sole, Feldi con grinta e orgoglio, Napoli con qualche rammarico.


Ufficio stampa Feldi Eboli