skin adv

Sestu coi fantastici 4. Mario Mura si gode la qualificazione in Final Four

 12/02/2018 Letto 69 volte

Categoria:    Serie A2
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    CITTA DI SESTU





Bastano due reti per tempo per permettere al Città di Sestu di avere la meglio sull'Olimpus Roma e prendere la qualificazione alla Final Four di Coppa Italia Serie A2: dopo una partita molto frammentata e non giocata su ritmi altissimi, i ragazzi di Mario Mura fanno valere la superiorità tecnica e fisica su una squadra giovane ma ben messa in campo e strappano il biglietto per giocarsi con Civitella e le squadre del girone B la coccarda tricolore di categoria. Il tecnico sestese recupera buona parte degli assenti di Orte e lascia in tribuna Rufine in via precauzionale e Wilson per scelta tecnica schierando nello starting five Zanatta tra i pali, Asquer, Giulio Mura, Escobar e Bonfin, sul fronte opposto mister Caropreso deve rinunciare ad Alessio di Eugenio, Kamel, Luciano mentre Federico Di Eugenio è in panca solo per onor di firma e nel quintetto iniziale partono Pozzo in porta Renan, Luca Pizzoni, Andrea Pizzoli e Galvan.


IL MATCH - La partita viaggia su ritmi blandi, le occasioni latitano e le azioni da segnalare sono veramente poche: il primo a movimentare il match è Asquer con una conclusione al volo che si spegne sul fondo, Luca Pizzoli e Renan mettono alla prova Zanatta trovando l'estremo difensore attento in entrambe le circostanze. Le due squadre non riescono a pungere in maniera concreta, ancora Luca Pizzoli prova a cambiare le sorti dell'incontro ma il suo tiro non trova lo specchio, i padroni di casa ci provano prima con Bonfin, colpo di tacco viene deviato in angolo da Renan, sul corner seguente Pozzo, con un grande intervento, nega la gioia del gol a Ruggiu. I sestesi, dopo una prima parte di gara dove hanno sofferto il pressing ospite e rischiando di capitolare sulla bordata di Renan che si stampa sull'incrocio, iniziano a prendere metri sfiorando il vantaggio con Gonzalez, Bonfin ed Escobar ma, l'imprecisione prima e il portiere dopo, lasciano il risultato invariato facendo però da preludio al gol. Infatti tra il 12' ed il 13' i rossoblu si portano sul doppio vantaggio: a sbloccare il punteggio è Mura, bravo a capitalizzare l'uno-due con Bonfin, poi quest'ultimo sigla il raddoppio appoggiando in rete l'ottimo suggerimento di Escobar. Gli ospiti appaiono demoralizzati ma provano comunque con tenacia e caparbietà a riaprire il match, il Città di Sestu controlla bene le sfuriate laziali e prova a triplicare le distanze con Ruggiu, ma il numero 17 non trova fortuna con il suo sinistro al volo. Nell'ultimo minuto del primo tempo entrambe le compagini raggiungono il bonus dei cinque falli ma non creano nessuna azione degna di nota se si esclude la botta di Renan che viene murata da Zanatta ed all'intervallo si va sul 2-0 per i campidanesi. Nella ripresa si assiste sin da subito ad una partita fisica dove i direttori di gara decidono di sanzionare ogni contatto e dopo nemmeno quattro minuti entrambe le squadre si ritrovano con tre falli contro fischiati. I ragazzi di mister Caropreso provano a ridurre il gap con le varie conclusioni dirette verso la porta di Zanatta, la più ghiotta è quella capitata sui piedi di Galvan con la sfera che si infrange sul palo. I sestesi lasciano qualche metro agli ospiti ma alla prima occasione utile si portano sul 3-0: sono trascorsi 7'51” quando Bonfin, in pressing offensivo, intercetta la palla e serve Ruggiu, l'odierno capitano rossoblù ha il tempo di stoppare, prendere la mira e punire l'incolpevole Pozzo. Il gol vivacizza i rossoblù che provano chiudere subito la pratica con i tentativi di Asquer ed Escobar ma il portiere romano si distingue con due ottime parate, poi il palo nega la rete al catalano. Quando mancano 4'50” i capitolini si giocano la carta del quinto uomo ma a beneficiarne sono i locali che trovano con Zanatta la rete del 4-0 al minuto 15'31” , utile a chiudere la pratica. L'Olimpus non demorde e continua ad usare l'uomo in più ma trova la rete della bandiera su tiro libero con Renan, chirurgico nel trasformare la conclusione dai 10 metri a 3'40” dal termine. Negli ultimi minuti i padroni di casa mantengono la situazione sotto controllo fino alla sirena finale e sfiorando anche la quinta rete prima con Ruggiu poi con Escobar, al termine dei 40 minuti regolamentari l tabellone recita Città di Sestu 4 Olimpus Roma 1. I sestesi con questo successo conquistano una storica Final Four, giusto premio per una stagione fino a questo momento esaltante e dalla settimana prossima si rituffano sul campionato con il calendario che mette in programma il remake con la squadra capitolina.


CITTÀ DI SESTU-OLIMPUS ROMA 4-1 (2-0 p.t.)
CITTÀ DI SESTU: Zanatta, Asquer, Mura G., Lopez Escobar, Bonfin, Casu, Vaccargiu, Cau, Gonzalez, Fois, Ruggiu, Erbì. All. Mura M.
OLIMPUS ROMA: Pozzo, Renan, Pizzoli L., Pizzoli A., Galvan, Proietti, Achilli, Cuel, Martinelli, Di Eugenio F., Ducci. All. Caropreso
MARCATORI: 12'28'' p.t. Mura G. (S), 12'57'' Bonfin (S), 7'51'' s.t. Ruggiu (S), 15'31'' Zanatta (S), 16'20'' t.l. Renan (O)
AMMONITI: Vaccargiu (S), Ruggiu (S), Bonfin (S), Pizzoli L. (O), Di Eugenio F. (O)
ARBITRI: Marco Gallinella (Foligno), Francesco Paolo Spinazzola (Barletta) CRONO: Fabio Loni (Cagliari)


Ufficio stampa Città di Sestu