Categoria: Serie B

Autore: Ufficio Stampa

Pubblicato il: 11/01/2017

Letto: 186 volte

L'Imolese e lo scotto dell'inesperienza. "Lasceremo presto il penultimo posto"

L'Imolese e lo scotto dell'inesperienza.

L’Imolese azzanna alla gola, ma non uccide. Un epilogo visto troppe volte: “Nel primo tempo non abbiamo brillato, commettendo, sulle due reti, due errori banali; nel secondo tempo, invece, potevamo portare a casa la partita: credo che il risultato sia dipeso da episodi.

MALAFRONTE - Mario Malafronte, classe '98 di origini napoletane, commenta il derby infuocato col Faventia, chiusosi con un risultato di 5 a 4 e tre pesanti espulsioni: “Tenevamo moltissimo a questa partita e ci siamo surriscaldati: abbiamo recuperato tre reti in pochi minuti, pur essendo costantemente in inferiorità numerica. Abbiamo svoltato, ancora, solo sul 5 a 1: dobbiamo imparare a prendere in mano noi la partita, da subito”. Dopo soli tre anni di calcio a 5, Malafronte ha debuttato, neanche diciottenne, in serie B, ritagliandosi un posto di primo piano in squadra: “Ho tantissimo da imparare e sto cercando di farlo, perché questa è una grande occasione. La B è un altro mondo rispetto alla C1: più stimolante, più impegnativo, ma spietato. Se ti illudi di aver vinto, ecco che vieni riagganciato; se fai un solo sbaglio, vieni stroncato dal tuo avversario".

LO SCOTTO - Il valore dell’Imolese è evidente ai più, ma è nullo in assenza di risultati utili: “E’ lo scotto dell’inesperienza. Quello che abbiamo dimostrato sul campo non merita di certo il penultimo posto. Siamo una squadra atletica, veloce, unita nonostante le diverse personalità: crediamo in quello che stiamo facendo e sappiamo di dovere tanto a chi crede in noi. I risultati arriveranno.” Sabato prossimo i rossoblu ospiteranno il Città di Mestre, contro cui, all’andata, offrirono una prestazione da dimenticare: “Purtroppo non ero in campo in quella partita, ma i fatti parlano da soli: i veneti sono quinti in classifica e hanno appena battuto per 5 a 2 il Trento, nostro diretto antagonista nella corsa alla salvezza.” Decimati dalle squalifiche, i padroni di casa non potranno disporre di pedine fondamentali quali Maccaferri, Paciaroni, Signorini e Spadoni; da valutarsi anche le condizioni del capitano Zanoni. “E’ nelle situazioni estreme che si vede la forza della squadra. Chi scenderà in campo, dovrà tirare fuori tutto l’orgoglio e tutto il coraggio che ha, perché non possiamo fallire. Ogni partita è una storia nuova: una battaglia da combattere con la stessa rabbia che abbiamo mostrato col Faventia, convinti nei nostri mezzi. Siamo riusciti a mettere in difficoltà il primo in classifica: ora si riparte".

Stefania Avoni
Ufficio Stampa Imolese Calcio 1919



ARTICOLI CORRELATI

Sbandata a Villorba, due minuti di black out costano all'Imolese un possibile pari

20/02/2017 IMOLESE Due squadre: l'Imolese, la più piccola anagraficamente, e il Villorba, veterano delle categorie nazionali; due obiettivi ...

Imolese, Matera individua il problema: "C'è bisogno di lavorare sul piano emotivo"

16/02/2017 IMOLESE "Il Villorba ha ancora sette partire per vincere il girone, noi - sentenzia Gianluca Matera - sette per salvarci". La prossima ...

Imolese, l'appetito vien mangiando. Radesco: "E' tornata la fame di vittorie"

09/02/2017 IMOLESE Due vittorie consecutive, poi l’arresto, prevedibile, contro il panzer Carrè Chiuppano. Eppure lo spirito dei ...

Imolese al big match col Carrè, Frau: "Concentrazione e fiducia fino alla fine"

01/02/2017 IMOLESE “Siamo risaliti sul treno della salvezza, ma la meta è ancora un miraggio.” Andrea Frau, braccio destro di mister ...