skin adv

Palombara, Tomassetti sogna un grande 2018: “Promozione e Final Four”

 29/12/2017 Letto 897 volte

Categoria:    Serie C2
Autore:    Antonio Iozzo
Società:    VIRTUS PALOMBARA





Il 2017 si è chiuso con un netto successo sul campo del Santa Gemma, risultato che ha permesso al Palombara di portarsi a -3 dalla vetta. L’inaspettato pareggio della Virtus Fenice, capace di vincere le precedenti 11 partite, è stato il miglior regalo di Natale per la formazione di Cartellà, che punta con decisione alla promozione diretta: “Vogliamo tornare nel massimo campionato regionale”, ammette senza nascondersi Tonino Tomassetti.


REGALO DI NATALE – “Sinceramente non mi aspettavo che la capolista perdesse punti nell’ultimo turno prima della sosta - continua il direttore generale -. La Fenice può contare su un quintetto base di categoria superiore, quindi sono rimasto sorpreso. Per quanto ci riguarda, la squadra ha offerto un’altra grandissima prova, come succede ormai da parecchie settimane. Abbiamo recuperato due punti e sistemato una situazione un po’ strana, perché ci ritrovavamo a -5 dalla vetta dopo aver sbagliato solamente un tempo, proprio contro la Fenice. Il campionato è ancora lungo e ricco di insidie, anche perché diverse squadre si sono rinforzate, specialmente la Lositana, che nel girone di ritorno darà filo da torcere a tutti”.


BILANCIO – Manca ancora una giornata al giro di boa, ma è già possibile tracciare un primo bilancio: “Il nostro giudizio non può che essere positivo, anche perché è dall’inizio dell’anno che stiamo facendo a meno del nostro capitano, Andrea Albano, un pivot che rappresenta una vera garanzia in zona gol. Purtroppo, ha dovuto fare i conti con un brutto virus, ma tra due-tre settimane dovrebbe rientrare in campo. Con lui dovremmo rivedere anche Daniele Di Mario, la chicca di quest’anno. I loro ritorni permetteranno alla squadra di crescere ulteriormente, ma ci tengo a sottolineare il lavoro eccellente svolto da tutti gli altri ragazzi finora. Siamo stati spesso in emergenza, ma abbiamo comunque offerto grandi prestazioni. Una menzione particolare la merita Marco Maresca per la sua eterna giovinezza. È un campione di umiltà e un esempio per tutti. Io e il presidente Zaina lo ringraziamo pubblicamente per averci scelto anni fa e per quello che giorno dopo giorno ci continua a insegnare”.


DOPPIO OBIETTIVO – I rientri di Albano e Di Mario, le ambizioni della società, la voglia di tutto il gruppo di arrivare lontano. La Virtus sogna un 2018 ricco di soddisfazioni: “Continuiamo su questi standard per raggiungere la Fenice. La classifica dice che per il primo posto sarà una lotta a due tra noi e loro, ma alla ripresa ci aspetta una vera e propria battaglia con il Nazareth: dovremo farci trovare pronti”. Pronti per una seconda parte di stagione di altissimo livello sia in campionato che in coppa: “Puntiamo al primo posto e a raggiungere la Final Four, manifestazione sempre bella da vivere. In campionato speriamo di migliorare il risultato dello scorso anno, quando abbiamo chiuso a -1 dalla prima. Il secondo posto brucia ancora un po’, ma sappiamo di aver fatto il massimo in un anno che può essere considerato di transizione, visti i precedenti trascorsi in C1 e B. Abbiamo ricominciato da capo, ritrovando la dimensione giusta: quella di una famiglia che vuole divertirsi. Siamo pochi, ma buoni. L'ultimo pensiero lo dedico a Bruno Cartellà, che si sta confermando l’uomo giusto per questa avventura. È una persona in gamba e sta facendo benissimo anche a livello di risultati”. Il Palombara ha ritrovato la propria identità, adesso spera di ritrovare un palcoscenico più appropriato: la Serie C1.


Antonio Iozzo