skin adv

Palestrina, un dicembre di fuoco. Pennacchiotti: “Serietà e determinazione”

 29/11/2018 Letto 210 volte

Categoria:    Serie C2
Autore:    Marco Panunzi
Società:    SPORTING CLUB PALESTRINA





Inizia un mese infuocato per il sodalizio dei presidenti Virgili e Bruni: dopo la gara contro il Città di Colleferro, tre scontri diretti d’alta quota, con Supino, Ardea e Arcobaleno. Diego Pennacchiotti, prodotto della cantera prenestina, esorta i compagni ad allenarsi con determinazione e serietà, convinto che in questo modo il Palestrina potrà offrire grandi prestazioni nei big match all’orizzonte.

LEPANTO – “Una gara difficile, con dei buoni avversari: anche il campo, essendo molto bagnato per via della pioggia, non era facile da gestire ma questa non deve essere una scusa. Dobbiamo dimostrare in qualsiasi caso che siamo i più forti e questo ce lo dimostra anche la classifica”, le parole di Diego, canterano del vivaio prenestino, sul pareggio contro la Lepanto che ha consegnato il primato, in coabitazione con l’Ardea, al Palestrina. “Per come si era messa la partita direi che un punto ci va più che bene. Siamo stati per molto tempo in svantaggio di due reti, ma alla fine abbiamo trovato il pareggio. In una gara ricca di occasioni per entrambe le squadre”, continua il classe ’95, nella foto accanto a suo nonno, uno dei tifosi più fedeli che segue suo nipote sui campi da quando Diego aveva 5 anni.

MESE DI FUOCO – “Aspettavamo con ansia queste partite. Scherzi a parte, sono tutte e tre belle e dure: ma non dobbiamo sottovalutare neanche il Colleferro. Penso che allenandoci con determinazione e serietà, come abbiamo fatto finora, faremo delle ottime prestazioni. Il nostro obiettivo è chiaro”, questa la consapevolezza di Pennacchiotti all’inizio di uno dei mesi più duri per il roster di Scaccia: la gara interna con l’Ardea tra le trasferte col Supino e con l’Arcobaleno, le altre tre squadre più in forma nel girone, le principali pretendenti alla vittoria finale. Ma prima c’è il Colleferro: e il giovane Diego, autore di un gol spettacolare contro il Zagarolo (conclusione effettata dalla sua area con gli avversari schierati col portiere di movimento, un tiro finito sotto al sette), non snobba l’impegno. “Gara insidiosa ma dipende tutto da noi. Si sa che tutte le squadre, quando incontrano le prime in classifica, fanno grandi prestazioni: dobbiamo cercare di chiudere subito la gara”.


Marco Panunzi