skin adv

TCL Move Up, un applauso al roster. Grossi: "Un gruppo di amici"

 10/04/2019 Letto 269 volte

Categoria:    Serie D
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    TCL MOVE UP





Il pari subito nel finale nell’ultima partita non toglie il sorriso a Cristiano Grossi. L’estremo difensore alla corte di Bartoli, approdato nel futsal per via di una vocazione tardiva, traccia un bilancio della sua prima stagione nel calcio a 5, ringraziando la società e i compagni di squadra.

SAN RAIMONDO – “Personalmente il pari mi va stretto: loro avevano più ‘gamba’ ma credo che noi eravamo più squadra e meglio messi in campo. Qualitativamente eravamo superiori, senza nulla togliere al San Raimondo, ma purtroppo paghiamo spesso cali di concentrazione”, così Cristiano Grossi saluta gli impegni di campionato contro l’Atletico San Raimondo. Confronti caratterizzati da un ossessivo equilibrio, conclusi sul 4-4 nel primo impegno ufficiale del 2019 e sul 5-5 nella penultima trasferta della stagione. “Ci è mancata la fortuna ed un po’ di esperienza; in alcuni frangenti abbiamo concesso troppo. Per far meglio dobbiamo usare la testa e rimanere uniti, come accaduto a volte quando ci siamo trovati in svantaggio”, prosegue l’estremo difensore, che ha trovato spazio nella serata del venerdì di futsal arancionero dopo l’infortunio del suo collega Bonfini.

UN MONDO NUOVO – Per Cristiano quella che si avvia alla conclusione è stata la prima annata nella disciplina dal pallone a rimbalzo controllato. “Questo è stato tutto un anno tutto da scoprire, un mondo che conoscevo marginalmente. È iniziato tutto per scherzo e poi la faccenda si è fatta seria. Questo è un gruppo fantastico, fatto soprattutto di amici, per i quali ho sempre dato tutto me stesso”. Poche apparizioni per Cristiano, ma presenza fondamentale nello spogliatoio di Bartoli: oltre che per le qualità tecniche, per questo motivo il sodalizio arancionero ha deciso di tesserarlo all’interno del roster. “Colgo l'occasione per ringraziare i Latini, coi quali esiste un rapporto di amicizia da anni, e Bartoli, che mi ha concesso l'onore di difendere i pali della TCL. Infine saluto tutti i compagni di squadra, in special modo Cavinato. Mi piacerebbe che continui a giocare anche il prossimo anno. Come farò io”.


Ufficio Stampa TCL Move Up
 





Pubblicità