skin adv

TCL, una Legio Real nella serata di Cavinato. Bartoli: “Il massimo fino alla fine”

 13/04/2019 Letto 166 volte

Categoria:    Serie D
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    TCL MOVE UP





Il Colleferro, terza forza del campionato, piega gli arancioneri al Roma 3Z. Nel 6-5 finale trovano gloria Natali e due volte a testa Papa e Cellanetti. Il risultato non porta il sorriso ma non lascia strascichi: cornice di pubblico delle grandi occasioni, con tanti bimbi ad assistere al match, e saluto al futsal giocato per Cavinato, dopo 21 anni di battaglie agonistiche.

REAL LEGIO – L’ultima gara casalinga dell’anno, come da consuetudine, porta con sé emozioni diverse dalle altre partite. In un Roma 3Z pieno di spettatori, tra i quali spicca la presenza di tanti bambini, non è arrivata la vittoria ma poco importa: chiude la carriera da giocatore Danilo Cavinato, capitano d’eccezione, dopo ventuno anni di onorata carriera, che lo ha visto arrivare in Serie A e nel giro dell’Italfutsal Under 21. Il campo, nota quasi marginale rispetto a tutti gli elementi di contorno, sancisce che a prendersi i 3 punti debba essere la Real Legio; il primo tempo si chiude sul pari, con le marcature di Natali e Papa a riequilibrare passo passo i vantaggi degli avversari. Nella ripresa il Colleferro dilaga, portandosi rapidamente sul 4-2, Papa riduce le distanze ma non è abbastanza per portarsi sul nuovo pari: Cellanetti, con due reti, fissa il punteggio sul 6-5 per gli ospiti. Di fronte ad una Legio in odore di playoff, la TCL Move Up non ha demeritato, offrendo uno spettacolo di grande livello ai tifosi accorsi in massa.

PAROLA AL MISTER – “Ottimo primo tempo, ho visto una squadra che ha saputo attaccare e creare tanto. Peccato aver incontrato un portiere bravissimo, che ha fatto una serie di interventi di spessore; con un po’ di cinismo e meno errori dietro potevamo andare all’intervallo con uno score diverso”, l’opinione di Luciano Bartoli, tecnico arancionero. L’avversario era uno di quelli temibili, uno di quelli che ha sgomitato per tutta la stagione per assicurarsi la post season; ma i padroni di casa hanno venduto cara la pelle, costringendo i rivali agli straordinari per prendersi quei 3 punti che sono oro per le loro ambizioni. “Nella ripresa ci siamo sentiti appagati dai primi 30’, come se da soli bastassero per vincere; però devo fare i complimenti a tutti, hanno giocato una buona partita”. Solo Zaffiro finora aveva segnato 5 reti al sodalizio di Colleferro, questo senz’altro è uno spunto importante da cui partite per giocare l’ultima di campionato, da calendario venerdì 3 maggio. “Pretendo il massimo: fino alla fine deve esserci la volontà di fare bella figura e di divertirsi giocando”.


Ufficio Stampa TCL Move Up





Pubblicità