skin adv

Ciampino Aniene, chance playoff. Casassa: “Sarebbe un’impresa”

 12/05/2022 Letto 379 volte

Categoria:    Serie A
Autore:    Alessandro Cappellacci
Società:    CIAMPINO ANIENE ANNINUOVI





La Divisione Calcio a Cinque, a causa delle positività accertate nel gruppo squadra della Feldi Eboli, ha rinviato l’ultima giornata della regular season di Serie A - originariamente programmata per domenica 15 maggio - a sabato 21. Il Ciampino Aniene AnniNuovi, dunque, disporrà di una settimana extra di lavoro per preparare la sfida contro l’Opificio 4.0 CMB Matera, decisiva, per il club aeroportuale, ai fini della qualificazione alla postseason.

TURNO CONCLUSIVO - “Questa pausa potrebbe avvantaggiarci un po’ - premette Mirco Casassa -. Si dovrebbe giocare a Ciampino, e non a Salsomaggiore, e potremmo recuperare due giocatori dai rispettivi infortuni”. L’estremo difensore, al pari dei suoi compagni, è fiducioso nelle chance del roster giallonero-rossoblù di staccare il pass per i quarti di finale scudetto: “La squadra non ha mai perso la speranza e la convinzione di poter raggiungere i playoff - asserisce il classe ’92 -, pur sapendo, visto quanto è equilibrato il campionato, che non è facile rimanere nei primi otto. Sarebbe un’impresa”.

MAGIC MOMENT - La banda guidata da Daniel Ibañes, quinta a quota 44 punti, si presenterà agli ultimi 40 minuti effettivi della stagione regolare forte di una striscia ammontante a sei risultati utili consecutivi, l’ultimo dei quali ottenuto grazie allo splendido successo esterno per 4-1 sull’Italservice Pesaro. “La recente vittoria ha fatto bene sia a livello di classifica che di testa - afferma l’ex AcquaeSapone -. È stata una partita molto dura, ma abbiamo realmente dato tutti il 110%”. Il pipelet, dal canto suo, è determinato nel concludere nel migliore dei modi la sua positiva annata tra i pali del Ciampino Aniene: “Abbiamo cercato di dare il meglio di noi stessi, me compreso. Mi sto avvicinando a questo finale molto serenamente e con la consapevolezza di aver fatto appieno il mio dovere da agosto a oggi, con nessun rimorso”, la chiosa di Casassa.


Alessandro Cappellacci





Pubblicità