skin adv

Angelini e un bicchiere mezzo pieno. "Genzano, avremmo potuto anche perderla"

 27/09/2022 Letto 423 volte

Categoria:    Serie A2
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    ECOCITY GENZANO





nizia con un pareggio il cammino dell’Ecocity Genzano in campionato. La squadra di mister Angelini va in doppio svantaggio per due volte, rimonta fino al 3-4 con una tripletta di Jader Fornari e il gol di Lolo Suazo ma subisce il 4-4 definitivo della Lazio con Nikao allo scadere.

LA CRONACA – Miarelli, Yeray e Magurno sono indisponibili, restano fuori Follador e Lukaian. Il primo tempo è molto equilibrato con tante occasioni da ambo le parti: si va al riposo sullo 0-0. Ad inizio ripresa si sblocca il punteggio: Tiziano Chilelli, sugli sviluppi di una palla inattiva, trova l’1-0. Poco più tardi raddoppia Dominguez. Non sta a guardare l’Ecocity che accorcia le distanze con Fornari. Una grande rete su calcio di punizione di Chilelli, doppietta per lui, vale il momentaneo 3-1. Gli ospiti attaccano a pieno organico e accorciano con Fornari, su assist di Pedrinho. Un gran gol di Lolo Suazo vale il 3-3 e Fornari, hattrick per lui, griffa il sorpasso. La Lazio schiera il portiere di movimento e trova il 4-4 definitivo con Nikao a meno di un minuto dal termine.

IL MISTER – “E’ stata una gara dura, ma lo sapevamo perché la Lazio ha cominciato bene come ha fatto l’anno scorso – dice il tecnico Angelini.- Non siamo partiti subito forti, la loro forte intensità e la superficie diversa dal nostro campo ci ha messo un po’ in difficoltà. Il match si è sbloccato su un calcio da fermo da noi difeso male, poi abbiamo subito il raddoppio. Una compagine non preparata fisicamente, tatticamente e mentalmente perde una sfida del genere, invece abbiamo rimontato. Il 4-4 è arrivato su una situazione che avevamo preparato in settimana e, purtroppo, non siamo riusciti ad evitare. E’ un bicchiere mezzo pieno, perché la partita si era complicata e siamo riusciti a ribaltarla. La prima di ogni manifestazione è particolare, lo dimostrano i risultati del girone. Ora testa all’Active, perché davanti ai nostri tifosi dobbiamo vincere”.

Ufficio stampa





Pubblicità