skin adv

#futsalmercato, Bagalini è pur sempre uno Shark. "Cobà predatore"

 30/07/2018 Letto 106 volte

Categoria:    Serie A2
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    FUTSAL COBA





Meritatissima riconferma anche per il capitano degli Sharks Stefano Bagalini, condottiero di mille battaglie con a maglia degli Squali. “Un onore e un piacere per me continuare a fare parte di questa Società che insieme a mio fratello e a qualche amico abbiamo fondato e in pochi anni abbiamo portato ai vertici del futsal nazionale – ha esordito Bagalini – tra qualche settimana inizierà per noi tutti una nuova stimolante avventura in una categoria prestigiosa e difficile che non conosciamo e che ci riempirà di stimoli e motivazioni ulteriori”.

RESET - “La scorsa stagione, culminata con la vittoria finale ai play-off, è stata esaltante. Dopo le difficoltà iniziali abbiamo saputo compattarci ed arrivare dritti all’obiettivo. Ora si resetta tutto e si riparte con un nuovo mister (il primo straniero di questa Società) e nuove idee ma sempre con la stessa mentalità vincente e il DNA da predatori. D’altra parte, io per primo, siamo ben consci delle insidie che il campionato di A2 ci può riservare, ma sappiamo di avere anche le armi e le risorse per affrontarle e superarle – ha proseguito Stefano, per tutti Fefè, una splendida carriera anche nel calcio a 11 professionistico – io poi sono uno dei più vecchietti tra gli Squali e un po’ per questo, un po’ perchè sono uno dei soci fondatori, ogni volta che scendo in campo devo dimostrare ancora più di tutti di meritarlo e onorare la maglia”.

GLI STIMOLI - “Impossibile per me rilassarmi, ma anzi, vivo con stimoli sempre in crescita. Mi rendessi conto di non tenere più botta, sarei il primo a fare un passo indietro – sorride Bagalini – ma finchè ce la farò il mio motto sarà testa bassa e pedalare, allenandomi e provando a giocare sempre al massimo per stare dietro al grande gruppo che abbiamo creato. Anche quest’anno la rosa che è stata allestita è splendida, fatta di grandi uomini e bravissimi giocatori che fanno della serie A il loro habitat naturale da anni. Siamo rimasti io, Sgolastra, Moretti e Lamedica e insieme a loro aiuteremo tutti ad ambientarsi e continuare a scrivere la storia del Futsal Cobà. Vincere un campionato di Serie B da protagonista alla mia età lo scorso anno mi ha riempito di soddisfazione e tante altre vogliamo togliercene insieme nei prossimi mesi”.

Ufficio stampa Cobà