skin adv

Squalifica storica per la Russia: che succederà alla nazionale di futsal?

 09/12/2019 Letto 1075 volte

Categoria:    Nazionale
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    RUSSIA





Da Losanna una squalifica - all'unanimità - pesantissima, che potrebbe ripercuotersi sul futsal. Il comitato esecutivo dell’Agenzia Mondiale Antidoping (Wada), raccogliendo l’invito della Commissione di Inchiesta indipendente che aveva indagato sulle ripetute malefatte a sfondo dopante di politici e dirigenti nell’ambito del famigerato laboratorio di stato di Mosca, ha squalificato per 4 anni l'ex nazionale sovietica. Che resterà fuori dalle Olimpiadi, ma soprattutto Mondiali, competizione FIFA. Un aspetto da non sottovalutare, visto che dal 12 settembre a 4 ottobre 2020 si disputerà la nona fase finale della kermesse iridata, competizione organizzata dalla più importante Federazione Internazionale.
 
LE DOMANDE SORGONO SPONTANEE Cosa succederà alla Russia del futsal, prima nel Ranking UEFA fra l'altro? In primis, disputerà l'Elite Round in Croazia con Azerbaigian e Slovacchia? E se vincesse, andrebbe direttamente al Mondiale lituano? E se dovesse arrivare seconda, farebbe il playoff di aprile? Domande che sorgono spontanee dopo la storica squalifica. 
 
LA RUSSIA ha già fatto sapere che sfiderà la sentenza dell'Agenzia mondiale antidoping (WADA) presso il CAS (Corte di arbitrato per lo sport) di Losanna dopo che la questione verrà discussa dall'agenzia russa antidoping (RUSADA). "Il 19 dicembre si terrà una riunione del Consiglio di vigilanza della RUSADA - dice Svetlana Zhurova, primo vicepresidente dellla commissione internazionale della Duma, la camera bassa del Parlamento russo - deciderà se la RUSADA accetta queste raccomandazioni o meno. E il tribunale di Losanna in seguito, ma sono sicura al 100% che la Russia andrà in tribunale perché dobbiamo difendere i nostri atleti". Il capo dell'agenzia antidoping russa Rusada, Yuri Ganus, sostiene che la Russia non abbia "nessuna chance" di ribaltare in appello la decisione della Wada.
 
Pietro Santercole




Pubblicità