skin adv

Da "Bancario" ad Azzurro. Andrea Famà ora nella Hall of Fame del futsal

 28/01/2020 Letto 706 volte

Categoria:    Vari
Autore:    Divisione Calcio a 5
Società:    VARIE





La famiglia delle Legends si allarga. Dopo Andrea Rubei, Massimiliano Quattrini, Gabriele Caleca e Vinicius Bacaro – successivamente raggiunti dai portieri Gianfranco Angelini e Luca Bergamini – un altro campione può ora fregiarsi di questo status. Proprio su scelta e votazione dei suoi “colleghi” della Hall of Fame. Si tratta di Andrea Famà, storico ex capitano della BNL negli anni Novanta, quelli della grande rivalità con il Torrino SC e delle finali scudetto nella splendida cornice del Foro Italico. Nato a Roma nel 1964, Famà ha iniziato la sua avventura nel calcio a cinque con l’Helios Ostia, per poi passare alla BNL. Con i “bancari”, sotto la guida di Piero Gialli e la presidenza di Marco Dau, ha vinto praticamente tutto: si è laureato quattro volte campione d’Italia, ha conquistato una Supercoppa italiana e ha vinto nel 1996, al Palazzetto dello Sport di Roma, lo European Champions Tournament, la manifestazione “antesignana” della UEFA Futsal Cup e della UEFA Futsal Champions League.

LA FASCIA DA CAPITANO l’ha indossata spesso anche in Nazionale, con cui ha collezionato 71 presenze e 29 reti. E partecipato a tre edizioni del Mondiale. Dopo aver smesso di giocare, Famà si è dedicato anche alla panchina, allenando tra le altre la BNL, Reggio Calabria, Raiano, Magione e New Team.

MONTEMURRO “Accogliamo con piacere e orgoglio Andrea Famà nelle Legends, un titolo che gli si addice come pochi”, ha sottolineato il presidente della Divisione Calcio a cinque, Andrea Montemurro, “Quando parliamo di Famà parliamo di un campione, di un giocatore universale, che tanto lustro e gloria ha dato al nostro movimento: sono certo che continuerà a farlo in questa nuova veste che come ho detto gli calza a pennello, con il garbo, la grinta e la classe che sempre lo hanno contraddistinto anche quando scendeva in campo!”.

FAMA' forse un pizzico emozionato, lo stesso Famà. “E’ qualcosa che mi fa molto piacere e mi inorgoglisce, quello di Legend è un riconoscimento riservato a pochi e io sono molto felice di far parte di questo gruppo ristretto. Mi ripaga per i grandi sacrifici e la tanta fatica profusi durante la mia carriera, quando con il club e in nazionale ci scontravamo con grande tenacia contro realtà già orientate verso il professionismo, cercando con grande determinazione di tenere alto il nome dell’Italia. Ringrazio chi ha pensato a me per questo riconoscimento”.

Ufficio stampa Divisione





Pubblicità