skin adv

Infinite strisce positive. Ma è una Serie A livellata verso l'alto o il basso?

 17/02/2020 Letto 795 volte

Categoria:    Serie A
Autore:    Redazione
Società:    VARIE





Il 5-1 dell'Italservice Pesaro nello scontro al vertice lancia i campioni d'Italia verso il successo in regular season. Fulvio Colini stoppa la serie di Max Bellarte, che si ferma a 12 successi di fila con l’AeS, senza eguagliare il record di Massimo Ronconi con la Roma RCB (13) nell’annus domini del trionfo Azzurro a Caserta 2003. La serie dello Special One rimane dunque in piedi: con 11 vittorie in altrettanti incontri il cinque volte campione d'Italia ha superato il Ramiro Lopez della Marca e il Cafù condottiero dell’Orange Futsal, agganciando il Mago Velasco (ai tempi del Prato) e continuando l'assalto al primato giallorosso del nuovo millennio, senza dimenticare che c'è un Real Rieti da 8 successi consecutivi, impegnato per di più a Latina nel prossimo turno, prima di recuperare (il 25 febbraio) la sfida con l'Arzignano.

SOGGETTIVITA' Le infinite serie positive stanno monopolizzando la Serie A con 16 squadre. C’è stato un Came Dosson da 10 risultati utili consecutivi, un Sandro Abate da 9, un Meta Catania me da 7 e, tutt’ora, un Lido di Ostia addirittura da 4 successi in altrettante uscite. Continuità una parola chiave, che apre però a una riflessione più ampia e a una domanda che sorge spontanea: queste infinite serie positive sono l’espressione di una Serie A livellata verso l’alto o il basso? La dottrina è divisa. C'è chi pensa comunque a un campionato difficile, equilibrato e impegnativo, reso interessante dalle tante sorprese che si susseguono con il passare della giornate. E chi vede nel progressivo depauperamento dei top player andati via dall'Italia all'estero negli ultimi anni, l'innalzamento dell'età media delle squadre di A e la graduale mancanza di italiani forti nella classifica dei top scorer, un pericoloso e preoccupante calo di livello. Ma nel campo della soggettività ognuno può pensarla come vuole.

OGGETTIVITA' La classifica, però, parla chiaro. A 8 turni dal termine Pesaro, AeS e Rieti stanno facendo un campionato a parte. Came nel suo splendido isolamento: è a -5 (al netto di Rieti-Arzignano) dal podio, è a +9 da Feldi e Sandro Abate. Dal quinto al decimo posto sei squadre in sette punti, con un Colormax Pescara senza pensieri: è a -6 dai playoff, a +14 sui playout. In coda è magic moment Lido, ora a +6 sulla zona playout. L’equilibrio c’è, esattamente come quella fatidica domanda: è una Serie A livellata davvero verso l'alto. O verso il basso?
 
LE SERIE POSITIVE RECORD DAL NUOVO MILLENNIO
13 vittorie di fila: Massimo Ronconi (Roma RCB, 2002-03)
11 Jesus Velasco (Prato, 2001-02), Fulvio Colini (Italservice Pesaro, 2019-20, tutt'ora in essere)
10 Massimo Ronconi (Roma RCB, 2005-06), Ramiro Lopez (Marca, 2008-09), Cafù (Orange Futsal, 2015-16)
9 Julio Fernandez (Luparense, 2011-12)
8 Agenore Maurizi (Roma, 2004-05), Julio Velasco (Luparense, 2005-06), Tiago Polido (Marca, 2010-11), Francesco Cipolla (Napoli, 2016-2017), Jeffe-Cundari (Rieti, 2019-20, tutt'ora in essere) 
 
Redazione C5Live



COPIA SNIPPET DI CODICE

Pubblicità